lunedì 20 febbraio | 03:09
pubblicato il 08/set/2014 18:12

Sicilia, Pagliaro (Cgil): a rischio 4mila lavoratori Formazione

Il sindacalista: "Totale inattitudine del governo regionale"

Sicilia, Pagliaro (Cgil): a rischio 4mila lavoratori Formazione

Palermo (askanews) - Il settore della Formazione professionale in Sicilia, oggi più che mai, è a rischio di sopravvivenza. A grido d'allarme è stato lanciato dal leader siciliano della Cgil, Michele Pagliaro."A rischio ci sono 4mila posti di lavoro, che possono essere perduti al 31 dicembre. A distanza di 2 anni dall'istaurazione del nuovo governo regionale non c'è una prospettiva, non c'è presente e non c'è futuro. C'è un albo con 8.000 lavoratori, e di questi oltre la metà rischia il licenziamento".I dipendenti, lamentano il mancato riconoscimento degli stipendi da diversi mesi, e attendono che la Regione avvii un tavolo sugli ammortizzatori sociali."C'è un asse della nuova programmazione europea che guarda alla formazione professionale come opportunità, ma stiamo assistenza alla totale inattitudine da parte del governo".In Sicilia "si sono persi 37mila posti in un anno, c'è una disoccupazione giovanile che viaggia intorno al 50%", e le aziende dell'isola fanno fatica a trovare determinate figure professionale. "Questa è la prova di un sistema che non funziona" ha concluso il sindacalista.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia