domenica 04 dicembre | 23:50
pubblicato il 16/ott/2013 12:17

Shoah: Marino, Roma no teatro di teste vuote e rasate

(ASCA) - Roma, 16 ott - ''Quest'anno celebriamo il 16 ottobre 1943 a poche ore dalla morte di uno dei piu' atroci nazisti e nagazionisti. La mia coscienza mi ha imposto una scelta netta e inequivocabile. Non potevo permettere che l'addio a un criminale nazista si trasformasse in una parata revisionista''. Cosi' il sindaco di Roma, Ignazio Marino, nel corso del suo intervento alla Sinagoga in occasione dei 70 anni dal rastrellamento del ghetto. Marino ha spiegato che Roma ''non potra' mai essere il teatro dei burattini dalle teste piu' vuote che rasate. Lo facciamo nel nome dei romani che il 16 ottobre del 1943 furono deportati''.

bet/cam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari