lunedì 23 gennaio | 18:49
pubblicato il 08/mag/2013 16:24

Shoah: al Museo Ebraico Roma mostra 'Primo Levi nei ritratti di Rivers'

(ASCA) - Roma, 8 mag - Da giovedi' 9 maggio fino al 15 ottobre 2013 il Museo Ebraico di Roma ospita la mostra 'Survivor. Primo Levi nei ritratti di Larry Rivers'. Per la prima volta sono esposte al pubblico tre storiche tele del pittore americano acquistate da Gianni Agnelli in memoria dello scrittore torinese e che dal 2002 sono in deposito presso la Pinacoteca Agnelli di Torino. La presidente della Pinacoteca, Ginevra Elkann, ha concesso questo eccezionale prestito per ricordare Levi nel decennale della morte dell'Avvocato e in occasione del Festival Internazionale di Letteratura e Cultura Ebraica.

Nel 1988, un anno dopo la tragica scomparsa di Primo Levi, Gianni Agnelli, che aveva studiato nello stesso liceo torinese dello scrittore, del quale era di due anni piu' giovane, acquisto' da Larry Rivers tre suoi ritratti per ricordarne la figura e al contempo lo sterminio del popolo ebraico. Rivers, che gia' negli anni precedenti aveva approfondito le tematiche della Shoah, aveva realizzato tre tele di grandi dimensioni, animando e teatralizzando i romanzi di Levi: Witness, Survivor e Periodic Table. I tre dipinti, ancora di proprieta' della famiglia Agnelli, come ci informa Ginevra Elkann, ''vennero portati in Italia ed esposti, per decisione dell'Avvocato, nella sede de La Stampa, giornale per il quale Primo Levi aveva scritto a partire dal 1959, e in forma piu' continua dal 1968, saggi racconti ed elzeviri della Terza Pagina. Mio nonno - racconta Ginevra Elkann - decise di collocare i quadri di Rivers in una grande sala che si trovava al piano terreno della sede de La Stampa in Via Marenco 32. Dopo la collocazione dei quadri, la sala venne comunemente chiamata ''Sala Primo Levi'. Non era aperta al pubblico, ma era usata per le riunioni piu' importanti e per accogliere i visitatori illustri per un primo saluto o un brindisi di benvenuto''.

Nella realizzazione dei tre quadri, ora in prestito al Museo Ebraico di Roma, Rivers ha miscelato la diverse identita' di Primo Levi: ebreo, chimico, partigiano, deportato, sopravvissuto allo sterminio e scrittore. dab/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Gioco azzardo
Nomisma: 1,2 mln di studenti tenta la fortuna col gioco d'azzardo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4