mercoledì 18 gennaio | 19:34
pubblicato il 20/mag/2013 14:42

Sesso: Ginecologi, per 4 ragazze su 10 prima volta senza precauzioni

Sesso: Ginecologi, per 4 ragazze su 10 prima volta senza precauzioni

(ASCA) - Milano, 20 mag - Il 42% delle under 25 italiane non utilizza nessun metodo contraccettivo durante la prima esperienza sessuale. Di queste, il 24% ricorre al coito interrotto. E solo 3 su 10 hanno ricevuto informazioni corrette da medici e insegnanti, il rimanente 70% da fonti non qualificate. E' quanto emerge dal sondaggio nazionale, ''Le ragazze italiane: sessualita' e contraccezione'', che la Societa' Italiana di Ginecologia ed Ostetricia (SIGO) ha svolto, nel mese di maggio 2013, su oltre 1000 giovani (1012) tra i 14 e i 25 anni. L'indagine analizza anche l'utilizzo della pillola, scelta nell'86% dei casi per la sicurezza contraccettiva. ''Ma dobbiamo promuoverne maggiormente l'uso tra le ragazze - sottolinea Alessandra Graziottin, Direttore del Centro di Ginecologia e Sessuologia Medica del San Raffaele Resnati di Milano -. Nel nostro Paese solo il 16,2% delle donne usa regolarmente la pillola contro il 41,5% della Francia, il 28% del Regno Unito e il 27,4% della Svezia''.

Ben 4 ragazze su 10 ignorano gli effetti positivi sul benessere femminile. ''Purtroppo non si valorizzano i benefici della pillola su regolarita' del ciclo, acne e irsutismo, mestruazioni dolorose e/o abbondanti, carenza di ferro nell'organismo e sindrome premestruale - evidenzia la Graziottin -. I suoi punti di forza sono l'elevata sicurezza contraccettiva, prossima al 100%, l'alta tollerabilita', il ridottissimo impatto metabolico e la sua totale reversibilita'. Tutte caratteristiche che la rendono l'alleata naturale della salute di una donna, un metodo contraccettivo valido a tutte le eta' e particolarmente indicato per le giovani''. ''Se ancora troppe italiane arrivano impreparate alla prima volta, la principale causa e' la scarsa educazione sessuale ricevuta - sostiene Mauro Busacca, consigliere SIGO e Ordinario di Ginecologia e Ostetricia dell'Universita' di Milano -. Il quadro e' peggiorato negli ultimi tre anni. Rispetto ad un analogo sondaggio effettuato nel 2010, infatti, registriamo un 5% in piu' di giovanissime che affronta la prima esperienza sessuale senza nessuna precauzione, rischiando cosi' di incorrere non solo in una gravidanza indesiderata, ma anche in una o piu' malattie sessualmente trasmesse. Il risultato di questi comportamenti scorretti sono le circa 10.000 baby madri under 19 che secondo l'Istat ogni anno partoriscono negli ospedali italiani. Attualmente nel nostro Paese l'educazione sessuale non e' una materia scolastica obbligatoria. Da tempo, come ginecologi denunciamo questa anomalia che contraddistingue in negativo l'Italia dal resto d'Europa''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina