domenica 19 febbraio | 13:53
pubblicato il 27/ott/2014 12:55

Sequestro da 33,3 mln euro per ad e presidente cda Msc Crociere

Su disposizione Procura Napoli per reati contro il fisco

Sequestro da 33,3 mln euro per ad e presidente cda Msc Crociere

Napoli, 27 ott. (askanews) - Due decreti di sequestro preventivo di beni, per un valore di 33,3 milioni di euro, sono stati eseguiti dalla Guardia di finanza di Napoli, nei confronti di Pierfrancesco Vago, ad pro tempore della Msc Crociere Spa e Francesco Zuccarino, presidente del cda di Msc crociere di Napoli. Secondo l'ipotesi avanzata dalla Procura partenopea, i reati commessi sono omessa dichiarazione dei redditi, nei confronti di Vago, e dichiarazione infedele per Zuccarino.

Il sequestro eseguito nei confronti dell'amministratore della società ginevrina è successivo all'accertamento dell'esistenza, presso la sede della Msc crociere di Napoli, di una "stabile organizzazione occulta che - si legge in una nota del procuratore aggiunto Fausto Zuccarelli - non ha dichiarato redditi realizzati nel territorio nazionale per circa 38 milioni di euro, cui corrispondono imposte dirette evase per oltre 10,7 milioni di euro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia