venerdì 24 febbraio | 21:19
pubblicato il 17/lug/2011 12:08

Sequestrati oltre 23mila chilogrammi di false cipolle di Tropea

Intervento dell'ispettorato ministero Politiche agricole

Sequestrati oltre 23mila chilogrammi di false cipolle di Tropea

La contraffazione non ha limiti e questa volta è toccato alla Cipolla Rossa di Tropea. L'Ispettorato centrale contro le frodi agroalimentari del ministero delle politiche agricole ha disposto il sequestro di oltre 23mila chilogrammi di falsa cipolla di Tropea.Gli ortaggi di tipo comune, stavano per essere messi in vendita fregiandosi indebitamente della denominazione riservata alla produzione certificata 'Cipolla Rossa di Tropea IGP per alzare considerevolmente il prezzo. Secondo Coldiretti la Cipolla di Tropea IGP, per la sua unicità e prelibatezza è tra le produzioni più imitate al mondo, venduta taroccata ai consumatori con un danno ingente all'economia agricola. Il danno che subisce l'agricoltura calabrese ogni anno a causa delle contraffazioni è di circa un miliardo di euro.

Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech