sabato 25 febbraio | 17:07
pubblicato il 01/dic/2011 10:01

Senza fondi a rischio il museo del giocattolo di Torre del Greco

In mostra pezzi unici della storia dei balocchi

Senza fondi a rischio il museo del giocattolo di Torre del Greco

Torre del Greco (askanews) - Spese di gestione troppo altre e pochi contributi, e così rischia di chiudere i battenti il museo del giocattolo di Torre del Greco. Nella struttura voluta dalla Pro loco si possono ammirare vere chicche del mondo dei balocchi, trenini, locomotive, cavalli a dondolo, pupazzi, e tantissimi soldatini ma ora questo patrimonio rischia di non essere più visibile al pubblico. L'affitto della sede costa infatti 800 euro al mese e i fondi stanziati dal comune, 10 mila euro l'anno, bastano appena a coprire la spesa. Ne restano pochi spiccioli per pagare tutte le utenze e organizzare le varie iniziative spiega sconsolato Antonio Pacilio, curatore del museo del giocattolo: "chiediamo di entrare in qualche stabile di proprietà dell'amministrazione comunale"Una nuova sede permetterebbe di esporre tutti i 4.000 giocattoli raccolti negli anni dalla Pro Loco, perchè attualmente ce ne sono in mostra solo 700 pezzi. Nell'anno in corso sono stati circa 1.500 gli alunni delle scuole del circondario che hanno visitato il museo.

Gli articoli più letti
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech