martedì 28 febbraio | 11:20
pubblicato il 02/feb/2015 18:38

Sensori pozzi e check in mare: ecco come si monitora il Vesuvio

Direttore Struttura Vulcani Papale: "Informare sempre cittadino"

Sensori pozzi e check in mare: ecco come si monitora il Vesuvio

Roma, (askanews) - Informare in modo puntuale e offrire un servizio efficiente sull'attività vulcanica del Paese, prima di tutto quella del Vesuvio. E' l'obiettivo dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, illustrato dal direttore della struttura Vulcani Paolo Papale, ospitato negli studi di askanews.

"Noi siamo un ente di ricerca e ciò che facciamo principalmente è sviluppare ricerca nel campo dei vulcani. Al tempo stesso - ha spiegato - siamo un ente che offre un servizio al Paese grazie a un accordo quadro e convenzioni col dipartimento della Protezione civile. Abbiamo l'incarico dunque di svolgere la sorveglianza vulcanica sull'intero territorio nazionale. Gestiamo così un' attività estremamente variegata nel campo dei vulcani che va dalla ricerca pura e dalla ricerca sperimentale, alla ricerca sul terreno, al monitoraggio dell'attività vulcanica all'interpretazione dei dati e dei segnali che le nostre reti rilevano quotidianamente".

Il direttore dell'Osservatorio vesuviano dello stesso Istituto, Giuseppe De Natale, si è invece soffermato sul tema della convivenza tra il territorio flegreo e Vesuvio.

"Nell'ultimo anno abbiamo sviluppato moltissimo le nostre reti di monitoraggio in particolare su due linee fondamentali: l'installazione di sensori in pozzi, che ci consente di avere dei segnali molto più puliti perchè non risentono del rumore antropico; nel contempo un altro punto su cui stiamo battendo è quello del monitoraggio dei fondali marini. Stiamo sviluppando queste due direttrici - ha osservato De Natale - nell'ambito di progetti innovativi finanziati con fondi europei attraverso il programma operativo nazionale".

Per quanto riguarda l'attenzione dell'opinione pubblica sull'attività dell'Istituto, Papale ha spiegato: "Sicuramente si può migliorare. L'Istituto è frequentemente citato dai giornali ma esiste margine di miglioramento per l'attività di informazione della popolazione. L'obiettivo è quello di raggiungere quanta più popolazione possibile con una informazione corretta".

Infine, in vista della campagna elettorale in Campania, De Natale ha osservato: "Come cittadino ritengo che in Italia sia molto importante che questi temi come la tutela ambientale, la pianificazione del territorio, risultino temi prioritari. Il nostro territorio, bellissimo e ricchissimo ma allo stesso tempo molto fragile, deve assolutamente essere tutelato e in qualche modo pianificato a causa dell'altissima densità di urbanizzazione di molte nostre aree a rischio".

Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech