lunedì 27 febbraio | 18:20
pubblicato il 24/mar/2011 14:45

Sei italiani su 10 tradiscono su posto lavoro: primato a Milano

Sempre di più si perdona: crisi economica non aiuta separazioni

Sei italiani su 10 tradiscono su posto lavoro: primato a Milano

Roma, 24 mar. (askanews) - Il 60% delle infedeltà coniugali in Italia avviene sul luogo di lavoro e il tradimento, tra le cause che scatenano la crisi del matrimonio, è ancora oggi tra quelle più ricorrenti e rappresenta il 40% dei casi di separazione e divorzio. Se non cambiano, quindi, le conseguenze del tradimento, cioè la fine della coppia, è cambiato però il modo di tradire degli italiani, sempre più favorito dagli attuali strumenti elettronici e dai social network. E se sei italiani su 10 tradiscono sul posto di lavoro, è Milano la città dove si tradisce di più, seguita da Roma e Bologna. Anche se la crisi economica 'disincentiva' separazioni e divorzi che hanno costi 'pesanti' per entrambe le parti che quindi, sempre più spesso, perdonano il traditore. Quanto alle relazioni sul posto di lavoro, sempre più spesso tra colleghi si instaurano infatti vere e proprie 'liasons' amorose che, a volte, durano anni all'insaputa dell'ignaro coniuge tradito. Molti italiani realizzano così vite parallele ammantate di normalità: un numero non trascurabile di coniugi cresce figli concepiti fuori dal matrimonio. "I luoghi di lavoro a maggiore rischio-tradimento - spiega Gian Ettore Gassani, presidente nazionale dell'associazione avvocati matrimonialisti italiani - sono gli ospedali e le cliniche, gli studi professionali, le redazioni giornalistiche, pubblici uffici e banche. Tra le infedeltà coniugali consumate tra colleghi spiccano anche quelle a sfondo omosessuale (7% dei mariti, 5% delle mogli). E' innegabile - aggiunge - che i colleghi di lavoro siano diventati veri 'sfasciafamiglie' e che molte aziende abbiano subito notevoli danni da queste vicende". Ma le infedeltà coniugali nell'ambito lavorativo non solo mettono a dura piova la vita del matrimonio, ma anche quella del regolare svolgimento delle mansioni operative dei dipendenti "fedifraghi", sul cui rendimento possono incidere molto negativamente. In Svizzera, per esempio, sono stati contemplati contratti di lavoro con espresso divieto per il dipendente di intrattenere relazioni amorose con colleghi, pena il rischio licenziamento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech