domenica 22 gennaio | 21:49
pubblicato il 11/mar/2013 11:44

Sede vacante: chi e' il cardinale Timothy Michael Dolan (Usa)

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 11 mar - Il Cardinale Timothy Michael Dolan, Arcivescovo Metropolita di New York (U.S.A.), e' nato a Saint Louis, nel Missouri, il 6 febbraio 1950, e' il primo dei cinque figli di Shirley Radcliffe e di Robert Dolan.

Creato e pubblicato Cardinale da Benedetto XVI nel Concistoro del 18 febbraio 2012, del Titolo di Nostra Signora di Guadalupe a Monte Mario.

Nel 1964 ha intrapreso gli studi superiori al Saint Louis Preparatory Seminary South, a Shrewsbury. Poi ha proseguito al Cardinale Glennon College, dove ha conseguito la laurea di primo grado in filosofia. Ha completato la sua formazione sacerdotale al Pontificio Collegio Nordamericano di Roma, dove e' giunto nel 1972, ottenendo il master in teologia alla Pontificia Universita' di San Tommaso d'Aquino (Angelicum).

E' stato ordinato sacerdote il 19 giugno 1976 per l'arcidiocesi di Saint Louis. Il suo primo incarico e' stato come vicario nella parrocchia dell'Immacolata a Richmond Heights. Tre anni dopo, nel 1979, ha iniziato a studiare per il dottorato in storia della Chiesa americana alla Catholic University of America a Washington.

Prima della laurea, conseguita nel 1983, ha dedicato un intero anno alle ricerche sull'arcivescovo Edwin O'Hara, uno dei fondatori della Catholic Biblical Association. Nel 1987 e' stato chiamato, per cinque anni, a Washington come Segretario della Nunziatura apostolica. Dal 1992 ha ripreso il suo servizio a Saint Louis come vice rettore del Kenrick-Glennon Seminary, ricoprendo anche gli incarichi di direttore della formazione spirituale e di professore di storia della Chiesa. E' stato anche professore aggiunto di teologia alla Saint Louis University.

Nel 1994 e' divenuto rettore del Pontificio Collegio Nordamericano a Roma, incarico mantenuto fino al giugno 2001.

A Roma ha anche insegnato storia della Chiesa alla Pontificia Universita' Gregoriana e nella facolta' di teologia ecumenica della Pontificia Universita' San Tommaso d'Aquino. Negli anni romani ha consolidato la sua opera nel settore della formazione dei seminari, dando cosi' un contributo importante per la vita e il ministero di un gran numero di sacerdoti statunitensi.

Il 19 giugno 2001, nel venticinquesimo della sua ordinazione sacerdotale, Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo ausiliare di Saint Louis, assegnandogli la sede titolare di Natchez. Il 15 agosto ha ricevuto l'ordinazione episcopale. Come motto ha scelto la professione di fede di San Pietro: Ad quem ibimus'?, ''Da chi andremo'?'' (Giovanni 6, 68).

Il 25 giugno 2002 e' stato nominato arcivescovo di Milwaukee, nel Wisconsin e il 23 febbraio 2009 e' divenuto arcivescovo di New York. ''Stare in prima linea'': e' questa l'idea guida della sua missione. Non da solo, ma con tutta la comunita' cattolica, resa forte soprattutto dalla vitalita' delle parrocchie. Sulla questione degli abusi, per esempio, ha assunto una posizione netta, anche a sostegno delle vittime e dei loro familiari. Riguardo poi alla crisi internazionale, ha invitato a ''una moralita' piu' autentica'' contro gli egoismi. E sul problema dell'assistenza ai poveri e ai piu' deboli, ha spesso ricordato che ''il bilancio non e' una questione soltanto di numeri ma riflette i valori della nostra nazione''. Fermo sulle questioni di fondo, e' tuttavia, per natura, sempre disponibile al dialogo. Anche nei momenti piu' complicati ha mantenuto aperti i canali di comunicazione, come e' accaduto con la Casa Bianca sulle delicate questioni del diritto alla vita.

Il 31 maggio 2010 Benedetto XVI gli ha dato mandato come visitatore apostolico per i seminari in Irlanda, per trasmettere un messaggio netto di chiarezza sulla questione degli abusi sessuali nel Paese. Il 16 novembre 2010 e' stato eletto presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti d'America.

dab/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4