mercoledì 22 febbraio | 03:30
pubblicato il 17/feb/2014 16:33

Scuole occupate a Napoli da ex-Lsu, lavoratori socialmente utili

Studenti a casa e proteste in una quindicina di istituti

Scuole occupate a Napoli da ex-Lsu, lavoratori socialmente utili

Napoli, (askanews) - A Napoli e provincia, una quindicina di istituti di ogni ordine e grado sono stati, di fatto, bloccati a causa di una protesta degli ex Lsu. I lavoratori socialmente utili hanno impedito lo svolgimento delle lezioni per protestare contro i tagli previsti, dal prossimo primo marzo, dei loro stipendi con una riduzione di circa il 50 per cento."Siamo al 17 febbraio e il 28 scade il contratto e ancora nulla. Rimarremo senza stipendio e senza sapere nulla del nostro futuro. Se lo Stato non ci da risposte noi continueremo la nostra lotta", ha detto una donna.La protesta rientra nell'ambito della vertenza promossa contro i tagli al monte ore degli addetti alle pulizie con un conseguente ridimensionamento degli stipendi. Da parte dei genitori e delle istituzione si moltiplicano gli appelli a liberare le scuole occupate per non condizionare il diritto allo studio di bambini e ragazzi.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia