sabato 10 dicembre | 23:32
pubblicato il 17/feb/2014 16:33

Scuole occupate a Napoli da ex-Lsu, lavoratori socialmente utili

Studenti a casa e proteste in una quindicina di istituti

Scuole occupate a Napoli da ex-Lsu, lavoratori socialmente utili

Napoli, (askanews) - A Napoli e provincia, una quindicina di istituti di ogni ordine e grado sono stati, di fatto, bloccati a causa di una protesta degli ex Lsu. I lavoratori socialmente utili hanno impedito lo svolgimento delle lezioni per protestare contro i tagli previsti, dal prossimo primo marzo, dei loro stipendi con una riduzione di circa il 50 per cento."Siamo al 17 febbraio e il 28 scade il contratto e ancora nulla. Rimarremo senza stipendio e senza sapere nulla del nostro futuro. Se lo Stato non ci da risposte noi continueremo la nostra lotta", ha detto una donna.La protesta rientra nell'ambito della vertenza promossa contro i tagli al monte ore degli addetti alle pulizie con un conseguente ridimensionamento degli stipendi. Da parte dei genitori e delle istituzione si moltiplicano gli appelli a liberare le scuole occupate per non condizionare il diritto allo studio di bambini e ragazzi.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina