lunedì 27 febbraio | 06:15
pubblicato il 21/gen/2011 18:30

Scuola/Assunzioni precari,a 24 ore scadenza oltre 40mila ricorsi

Legge 183/10 dà tempo fino domani per impugnare vecchi contratti

Scuola/Assunzioni precari,a 24 ore scadenza oltre 40mila ricorsi

Roma, 21 gen. (askanews) - A poche ore dalla scadenza, fissata dalla legge 183/2010 per domani, fonti sindacali ed associative hanno comunicato di aver inviato al ministero dell'Istruzione decine di migliaia di ricorsi: l'obiettivo è quello di tenere in vita la possibilità di rivendicare l'acquisizione di una serie di diritti, relativi ai contratti stipulati prima dello scorso 24 novembre, tra cui l'assunzione a titolo definitivo, gli scatti automatici d'anzianità, riservati solo al personale docente, la ricostruzione di carriera non più parziale (oggi valgono per intero solo i primi quattro anni, ndr.), l'illegittimità del termine dei contratti al 30 giugno anziché al 31 agosto. Solo attraverso la Flc-Cgil ed il Codacons, che ha avviato una class action, ne sono stati già inviati quasi 40mila. A cui vanno aggiunti quelli degli altri sindacati di settore, come la Gilda degli insegnanti, e dei diversi uffici legali che agiscono a livello individuale. Poiché la scadenza indicata dal collegato al lavoro è quella di domenica, coloro che dedicheranno all'ultimo potranno farlo entro domani: dovranno inviare i moduli di reclamo (fa fede la data di partenza della raccomandata, ndr.) al ministero dell'Istruzione, al proprio Ufficio scolastico provinciale ed alla scuola dove si presta servizio. Per impugnare i contratti annuali (almeno tre), entro 60 giorni dall'entrata in vigore della nuova legge, i precari devono obbligatoriamente essere inseriti nelle graduatorie provinciali attraverso cui gli Usp immettono in ruolo il personale insegnante e non docente. In base alla nuova norma i contratti in corso, che scadranno a fine giugno o agosto, potranno essere impugnati entro 60 giorni dalla scadenza. Tutti i ricorsi dovranno poi essere depositato entro i successivi 270 giorni. Sino ad oggi solo due tribunali italiani, Crotone e Siena, hanno dato ragione ai precari ricorrenti con diversi anni di supplenze scolastiche alle spalle.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech