domenica 26 febbraio | 10:10
pubblicato il 28/ott/2013 17:31

Scuola: Sindacati, cambiare L. stabilita'. Manifestazione il 30 novembre

Scuola: Sindacati, cambiare L. stabilita'. Manifestazione il 30 novembre

(ASCA) - Roma, 28 ott - ''Esprimiamo netto dissenso sui provvedimenti che prevedono il blocco del contratto, degli scatti di anzianita' e dell'indennita' di vacanza contrattuale. Ancora una volta si e' voluto infliggere a chi lavora nella scuola un'intollerabile penalizzazione, che non si spiega ne' si giustifica con le difficolta' finanziarie del paese''.

Cosi' dichiarano in una nota Flc-Cgil, Cisl-Scuola, Uil-Scuola, Snals-Confsal e Gilda-Unams nell'indire una manifestazione nazionale a Roma per il giorno 30 novembre per chiedere al governo una modifica della Legge di stabilita'.

''E' inaccettabile - prosegue il comunicato - che si prelevino dalle tasche dei lavoratori ulteriori risorse, come avviene rastrellando la quota di economie da reinvestire sulla scuola per la valorizzazione della professionalita'; cosi' facendo si indebolisce ancor di piu' il potere d'acquisto delle retribuzioni, peraltro gia' basso, mentre mancano per i lavoratori pubblici gli annunciati interventi di riduzione della pressione fiscale''.

In tale contesto i sindacati della scuola si dichiarano ''non disponibili'' all'idea ''di un rinnovo contrattuale che riguardi la sola parte normativa'' e definiscono ''insufficiente'' la risposta del governo ''all'esigenza di passare dalla politica dei tagli, che ha indebolito nell'ultimo decennio l'intero settore formativo, a quella degli investimenti''.

Da qui i sindacati della scuola chiedono: un piano pluriennale di investimenti; il rinnovo del contratto nazionale e il pagamento degli scatti di anzianita', a partire dall'annualita' 2012; l'introduzione dell'organico funzionale e pluriennale; continuita' e prospettiva, a partire dal nuovo piano triennale di assunzioni, ai processi di stabilizzazione del personale; un piano nazionale di formazione per docenti e gli altri addetti ai lavori; il ripristino delle posizioni economiche orizzontali del personale Ata; la risoluzione delle questioni aperte su inidonei e docenti Itp (C999 e C555) e sui pensionamenti ''quota 96''; garanzia del sostegno agli alunni disabili.

com-stt/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech