sabato 10 dicembre | 04:57
pubblicato il 29/mag/2011 16:20

Scuola/ Sindacati base annunciano sciopero scrutini di fine anno

Protesta 'mirata' Cobas e Unicobas:per rinvio basta un'adesione

Scuola/ Sindacati base annunciano sciopero scrutini di fine anno

Roma, 29 mag. (askanews) - Per dire ancora una volta basta alla politica del governo sull'istruzione, per il secondo anno consecutivo i sindacati di base della scuola, Cobas e Unicobas, attueranno lo sciopero degli scrutini. Poiché la legge in vigore prevede che anche con un solo scioperante i consigli di classe di fine anno vanno rimandati (lo scrutinio si deve svolgere con il numero di docenti cosidetto 'perfetto), la decisione produrrà non pochi disagi, costringendo i dirigenti scolastici a riconvocare in fretta le riunioni e a portarle a termine solo alla terza occasione (l'adesione allo sciopero degli scrutini è consentita al massimo per due convocazioni consecutive). I motivi della contestazione sindacale - che lo scorso anno determinò lo slittamento di oltre 20mila scrutini finali - sono spiegati da Piero Bernocchi, portavoce nazionale Cobas: "sarà uno sciopero contro la scuola-miseria, per la cancellazione dei tagli degli organici, l'assunzione dei precari su tutti i posti vacanti e disponibili, l'apertura immediata della trattativa per il contratto con adeguati aumenti salariali, l'inserimento nella Finanziaria delle somme per la restituzione degli scatti di anzianità scippati, contro lo strapotere dei presidi-padroni, per la restituzione a tutti del diritto di assemblea", ha spiegato il rappresentante Cobas. Il sindacalista di base ha annunciato, inoltre, che lo sciopero punterà a convincere le istituzioni scolastiche a dire la parole fine alla "pratica illegale dei quiz Invalsi in orario di lezione, l'eliminazione degli indovinelli nell'esame di terza media e per impedire l'introduzione dei quiz anche nell'esame di maturità delle superiori dal prossimo anno, come minacciato dalla Gelmini". In quasi tutte le regioni italiane lo sciopero si svolgerà il 14 e 15 giugno: a causa dei differenti calendari di chiusura dell'anno scolastico, l'astensione dagli scrutini verrà anticipata però di alcuni giorni nelle Marche ed in Puglia, dove lo sciopero è stato fissato per il 9 e 10 giugno, ed anche in Veneto (10 e 11 giugno). Gli ultimi scrutini ad essere in pericolo saranno quelli della Liguria e della provincia di Bolzano, dove lo sciopero è stato programmato per il 16 e 17 giugno. Non tutti i docenti potranno però aderire alla mobilitazione estiva: "a causa delle normative sul diritto di sciopero - ha spiegato l'Unicobas - sono escluse le classi impegnate negli scrutini finali propedeutici allo svolgimento degli esami conclusivi dei cicli di istruzione, negli esami di qualifica negli istituti professionali o relativi alle licenze di maestro d'arte negli istituti d'arte, nonché le attività relative agli esami di idoneità e le classi impegnate negli esami di licenza media".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina