domenica 04 dicembre | 11:37
pubblicato il 29/mar/2012 15:36

Scuola/ Profumo: Meno compiti a casa? Perchè no

"Si potrebbero utilizzare 15 giorni per rafforzare altri canali"

Scuola/ Profumo: Meno compiti a casa? Perchè no

Roma, 29 mar. (askanews) - Il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo apre anche per l'Italia alla proposta che si sta discutendo in Francia di limitare per gli studenti i compiti a casa (i francesi parlano di almeno due settimane senza compiti per la primaria): "Credo che oggi nella scuola i nostri ragazzi imparino solo una parte dele loro competenze: molti sono input che vengono da altre sorgenti. Se quei 15 giorni fossero utilizzati per rafforzare altri canali, perchè non farlo", ha detto Profumo intervenendo oggi a SkyTg24 Pomeriggio. Per Profumo il senso è limitare "i compiti di tipo tradizionale: le forme di partecipazione degli studenti sono diverse, si possono dare stimoli senza che siano propriamente compiti. un buon tema su cui ragionare". "Io facevo una scuola ancora molto tradizionale: c'era un rapporto molto più diretto tra studente e scuola, ma oggi sono cambiati i contorni e possiamo cambiare anche le relazioni", ha concluso il ministro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari