martedì 28 febbraio | 15:53
pubblicato il 06/mar/2013 13:14

Scuola: Ocse, su digitale Italia indietro 15 anni rispetto Gran Bretagna

Scuola: Ocse, su digitale Italia indietro 15 anni rispetto Gran Bretagna

(ASCA) - Roma, 6 mar - L'Italia e' particolarmente lenta nella diffusione delle tecnologie digitali nella scuola, al punto che ''con l'attuale tasso di diffusione sarebbero necessari altri 15 anni per raggiungere i livelli di diffusione delle tecnologie digitali registrati, ad esempio, in Gran Bretagna dove l'80% delle classi puo' contare su strumenti didattici, informatici e digitali''. Lo afferma l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) in un rapporto sulla strategia italiana per la scuola digitale presentato oggi a Roma nella sede del Miur alla presenza del ministro Francesco Profumo.

In particolare, l'Ocse rivela che a fronte di una media Ue del 37%, in Italia le ''scuole 2.0'' sono appena il 6%, al di sotto anche di Spagna e Portogallo. Ancora, nel nostro paese c'e' una media di 6 pc per ogni 100 studenti contro quella Ue di 16.

stt/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Firenze
Spari a auto dell'imprenditore amico di Renzi, 2 arresti a Firenze
Campidoglio
Roma, chiesto il giudizio immediato per Marra e Scarpellini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech