mercoledì 18 gennaio | 05:29
pubblicato il 26/feb/2011 05:13

Scuola/ Miur:libri di testo sempre più digitali per prossimo anno

Scelte prof verso on line o versioni miste. E rispettino 'tetti'

Scuola/ Miur:libri di testo sempre più digitali per prossimo anno

Roma, 26 feb. (askanews) - Adottare libri di testo fruibili via internet e rispettare i tetti di spesa imposti dal ministero dell'Istruzione: l'indicazione è giunta dal dicastero di viale Trastevere attraverso la circolare n.18, con la quale il Miur, nel richiamare "i 'vincoli' da rispettare per l'adozione dei libri di testo" del prossimo anno scolastico, sottolinea l'esigenza di attuare "la progressiva transizione ai libri di testo on line o in versione mista, tenendo presente che a partire dall'anno scolastico 2012/2013 non potranno essere più utilizzati testi esclusivamente a stampa". L'indicazione, che permetterà notevoli risparmi per lo Stato e le famiglie degli alunni, trova conferma anche nell'invito ai consigli di classe delle scuole a puntare sulla "scelta di libri di testo a stampa per i quali l'editore si sia impegnato a mantenere invariato il contenuto per un quinquennio, fatta salva la possibilità per l'Editore - sottolinea il Miur - di trasformare il medesimo libro di testo nella versione on line scaricabile da internet o mista". Dopo aver ribadito che, salvo particolari motivazioni, il rinnovo dei libri di testo ha "cadenza pluriennale (ogni cinque anni per la scuola primaria e ogni sei per la scuola secondaria di I e di II grado)", il ministero dell'Istruzione si sofferma, infine, sulla necessità di salvaguardare "il rispetto dei tetti di spesa individuati per le scuole secondarie di I e di II grado". I 'tetti' di spesa dei libri di testo variano da corso a corso: alla primaria, la ex elementare, lo scorso anno i costi andavano da meno di 19 euro per la prima classe fino a 41,44 euro in quinta; per la media inferiore il tetto di spesa era fissato in 286 euro per la prime classi, in 111 euro per le seconde e in 127 euro per le terze. Alle superiori la spesa maggiore riguardava il liceo classico, dove alle famiglie potevano essere chiesti per l'acquisto dei libri fino a 320 euro al primo anno e 370 al terzo. Più contenuta la spesa massima richiesta alle famiglie di studenti iscritti ai tecnici e soprattutto negli istituti professionali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa