martedì 17 gennaio | 06:21
pubblicato il 25/gen/2013 10:37

Scuola: Istat, oltre 65.000 insegnanti di sostegno. Uno ogni 2 alunni

(ASCA) - Roma, 25 gen - Gli insegnanti di sostegno rilevati dal Miur sono poco piu' di 65 mila ma soltanto il 60,4% nella scuola primaria e il 65,9% nella secondaria e' impiegato a tempo pieno all'interno dello stesso plesso scolastico. E' quanto emerge dall'Report dell'Istat per l'anno accademico 2011-2012.

Nella scuola primaria la percentuale piu' alta di insegnanti di sostegno a tempo pieno si registra in Piemonte (67,8%), quella piu' bassa nella Provincia autonoma di Bolzano (33,4%). Nella scuola secondaria di primo grado la percentuale piu' elevata si riscontra in Friuli Venezia Giulia con il 72,3% degli insegnanti di sostegno, quella piu' bassa in Valle d'Aosta con il 56,3%.

Il numero medio di alunni con disabilita' per insegnante e' molto vicino, a livello nazionale, a quello previsto dalla Legge 244/2007 (un insegnante di sostegno ogni due alunni con disabilita'): si contano infatti 1,8 alunni con disabilita' ogni insegnante di sostegno nella scuola primaria e 2,0 nella scuola secondaria di primo grado. Le differenze territoriali sono molto marcate: la Provincia autonoma di Bolzano, per entrambi gli ordini scolastici, ha un numero maggiore di alunni per insegnante di sostegno (3,7 alunni nella scuola primaria, 5,0 alunni nella scuola secondaria di primo grado).

Il rapporto piu' basso si riscontra in Molise per la scuola primaria con 1,3 alunni per insegnante di sostegno e in Sardegna per la scuola secondaria di primo grado con 1,5 alunni. L'elevato rapporto alunni con disabilita'/docente di sostegno di Bolzano e' dovuto a una diversa modalita' di presa in carico dell'alunno con disabilita' da parte della Provincia autonoma: qui, infatti, a causa del bilinguismo, sono assegnati a ciascuna classe piu' docenti curriculari e in caso di alunno non autonomo e' prevista la figura dell'assistente ad personam.

Gli insegnanti di sostegno, in entrambi gli ordini scolastici, svolgono prevalentemente attivita' di tipo didattico (con l'80% degli alunni con disabilita') anche se con una quota di alunni che varia tra l'8,2% nella scuola primaria e il 7,2% in quella secondaria l'insegnante di sostegno svolge soprattutto attivita' di tipo assistenziale, nonostante le medesime attivita' siano di pertinenza di figure professionali quali l'assistente educativo culturale o l'assistente ad personam.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello