martedì 28 febbraio | 18:38
pubblicato il 22/mag/2013 16:25

Scuola: isernia e Vicenza su podio concorso Assovetro-Coreve

(ASCA) - Roma, 22 mag - Premiati i piccoli scrittori che hanno raccontato le storie di vetro su un'idea di Cristina Comencini.. Sul podio del concorso Glass Tellers 2013, che ha visto in lizza 549 racconti, una scuola di Castelpetroso in provincia di Isernia (sempre della provincia di Isernia anche la scuola seconda classificata) e una di Trissino (Vicenza). Il Concorso, giunto alla sua sesta edizione, e' promosso da Assovetro e CoReVe. nell'ambito del Protocollo d'Intesa sottoscritto con il Ministero della Pubblica Istruzione. Nella categoria riservata alla Scuola primaria, ha vinto il primo premio la la 5* I.C. Orazio d'Uva di Castelpetroso (Isernia) con il racconto Giovane per sempre che narra la storia di un barattolo che rimane sempre ''in forma'' nonostante il passare del tempo. Per la categoria Scuola Secondaria di Primo Grado, la prima classificata e' stata la 2 C G.G. di Trissino (Vicenza) con il racconto La mia anima in un frammento di vetro, la storia di un frammento di vetro che diventa il migliore amico e la rappresentazione della propria anima.

La premiazione, avvenuta oggi a Roma con la partecipazione di centinaia di ragazzi delle scuole vincitrici, conferma il successo di una iniziativa di educazione ambientale che trasforma gli alunni delle scuole elementari e medie in piccoli scrittori, i quali, grazie all' aiuto di Cristina Comencini, hanno costruito storie che fanno scoprire tutti le qualita' del vetro: la sua vita infinita, la sua riciclabilita' al 100%, la sua bellezza e tutti i suoi vantaggi per la salute. ''Leggendo tutti i racconti che ci sono arrivati -- ha dichiarato Giuseppe Pastorino, Presidente del settore contenitori di vetro di Assovetro - ci siamo resi conto di come i ragazzi abbiano colto nei loro scritti tutte le innumerevoli qualita' del vetro raccontando storie avvincenti e ben documentate. Siamo sempre piu' convinti che l'educazione ambientale si impari sui banchi di scuola e questo Concorso e' una piccola, ma qualificata iniziativa che va con successo in questa direzione ''. La sesta edizione del Progetto Scuole di Assovetro e CoReVe, la seconda del premio Glasstellers, ha registrato la richiesta di 1.046 kit didattici da parte di 408 scuole (erano 112 nel 2009). I racconti pervenuti sono stati 549 (nel 2009 i lavori sono stati 305). e sono stati raggiunti 24.058 studenti. Hanno partecipato al concorso le classi quarta e quinta della scuola primaria e le prime e le seconde classi delle scuole secondarie di Primo Grado. ''Siamo soddisfatti -ha detto Franco Grisan, Presidente di Co.Re.Ve.- della partecipazione crescente dei nostri giovani a questo concorso e dell' attenzione che hanno posto nel raccontare nelle loro piccole storie tutte le qualita' del vetro: trasparenza, salubrita', riciclabilita' al 100%: E siamo ancora piu' soddisfatti che gli studenti diventino cosi' soggetti attivi nella divulgazione di un messaggio utile per l' ambiente e un vero passaporto per un futuro sostenibile''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Campidoglio
Roma, chiesto il giudizio immediato per Marra e Scarpellini
Firenze
Spari a auto dell'imprenditore amico di Renzi, 2 arresti a Firenze
Gay
Riconosciuta a coppia gay paternità 2 nati con maternità surrogata
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Europa: porta aperte alla Cina nel segno del Turismo
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech