sabato 25 febbraio | 15:24
pubblicato il 09/ott/2011 12:36

Scuola/ Gelmini: Errore replicare su gaffe Cern, bastava scusarsi

Ministro ammette anche errori concorso presidi: non mi capacito

Scuola/ Gelmini: Errore replicare su gaffe Cern, bastava scusarsi

Roma, 9 ott. (askanews) - Il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini esce allo scoperto in un'intervista sul quotidiano La Repubblica e affronta l'ormai celebre gaffe sul tunnel dei neutrini costruito tra il Cern e il Gran Sasso: "Il vero errore è stata la replica. Bastava chiedere scusa e farci su un po' di ironia". Gelmini smentisce chi la vorrebbe depressa: "Sono serena e determinata. E abituata a portare a termine i compiti che mi vengono assegnati". Ma confessa: "Certo, per l'incidente del tunnel dei neutrini 2 sono stata colpita in ogni modo, e ferita. Ma non mi fermo, so che fare politica non è un giro di valzer". Col ministro impegnato al Quirinale, il famoso comunicato fu affidato ad un giovane e non controllato: "Al primo incidente di percorso ho pagato un prezzo alto, sono stata travolta dalla velocità di internet e dalla replica sbagliata: il secondo comunicato parlava di polemiche strumentali e non erano parole mie", spiega Gelmini. Che ammette: "Bastava chiedere scusa, e farci su un po' d'ironia. So che non esiste un tunnel da Ginevra al Gran Sasso, ho visitato il Cern e non ho visto tunnel. Bastava mettere quella parola tra virgolette e aggiungere tecnologico, il 'tunnel tecnologico' dentro il quale sono viaggiati i neutrini". Chiuso il rapporto con Massimo Zennaro come portavoce, il ministro conferma che resterà direttore generale: "Non c'è motivo per allontanarlo anche da lì, la Corte dei conti l'ha valutato idoneo". E le accuse su una gestione forzata dei dati del ministero, sono "una polemica ridicola". In ogni caso il ministro dell'Istruzione assicura che i dati sui bocciati ci sono, "li ho visti ieri", e "tra una settimana saprete tutto". E sull'altro punto dolente degli errori nel quiz per il concorso per presidi: "Abbiamo tutelato gli aspiranti dirigenti, rivelando e correggendo gli sbagli". E se in un primo momento il ministro aveva cercato di minimizzarli ora, pur precisando "la commissione che li ha prodotti non l'ho nominata io", dice: "Sono errori gravi, non mi capacito. Gli autori non saranno retribuiti e l'agenzia che li ha scelti sta valutando se chiedere i danni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech