sabato 03 dicembre | 15:32
pubblicato il 15/giu/2011 17:56

Scuola/'Classi pollaio',via libera a class action contro il Miur

Dopo il Tar anche il Consiglio di Stato: "Serve piano edilizia"

Scuola/'Classi pollaio',via libera a class action contro il Miur

Roma, 15 giu. (askanews) - Dopo la bocciatura del Tar del Lazio, arriva anche il via libera del Consiglio di Stato sulla class action del Codacons sulle cosiddette 'classi pollaio', quelle aule sovraffollate nelle quali il numero di alunni supera il limite di 25 studenti fissato dalla legge per garantire la sicurezza di ragazzi e personale scolastico: i giudici della VI Sezione del CdS hanno infatti rigettato il ricorso presentato dal Miur, dichiarando così la piena ammissibilità della prima class action italiana contro la pubblica amministrazione. Come si ricorderà il Codacons ha avviato la prima azione collettiva intrapresa nel nostro paese contro un ente pubblico, il Ministero dell'Istruzione appunto, relativamente alla vicenda delle classi pollaio, ossia quelle aule sovraffollate dove il numero di alunni supera il limite di 25, rappresentando così un pericolo per la sicurezza di studenti e personale scolastico. Accogliendo la class action lo scorso gennaio, il Tar aveva ordinato al Ministero di emanare entro due mesi un piano generale di edilizia scolastica (già previsto dal D.p.r. 20 marzo 2009, n. 81 'Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola'): contro la decisione del Tribunale regionale il Miur aveva presentato ricorso al Consiglio di Stato, ricorso ora rigettato. Nelle motivazioni i giudici del Consiglio, riferisce il Codacons, spiegano che quel decreto "ha imposto al Miur di attendere, d'intesa con il Ministro dell'economia e delle finanze, non già certo alla sola individuazione delle istituzioni scolastiche da sottrarre temporaneamente alla immediata operatività dei nuovi limiti massimi di alunni per aula, quanto piuttosto all'elaborazione di un vero e proprio atto generale, a natura programmatica, avente ad oggetto la riqualificazione dell'edilizia scolastica, in specie di quelle istituzioni non in grado di reggere l'impatto delle nuove regole introdotte con riguardo alla formazione numerica delle classi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari