lunedì 20 febbraio | 08:05
pubblicato il 24/mar/2014 17:30

Scuola: Bagnasco, appiattisce differenze genere con campi rieducazione

Scuola: Bagnasco, appiattisce differenze genere con campi rieducazione

(ASCA) - Roma, 24 mar 2014 - In Italia ed in Europa si nota con sgomento il rinascere di una ''logica distorta e ideologica'', ed e' in questa che si ''innesta la recente iniziativa, variamente attribuita, di tre volumetti dal titolo ''Educare alla diversita' a scuola'', che sono approdati nelle scuole italiane, destinati alle scuole primarie e alle secondarie di primo e secondo grado''.

L'affondo contro l'iniziativa e' venuta oggi dal presidente della Cei, card. Angelo Bagnasco nella sua prolusione di apertura ai lavori del Consiglio episcopale permanente.

''In teoria - ha spiegato l'arcivescovo di Genova - le tre guide hanno lo scopo di sconfiggere bullismo e discriminazione - cosa giusta -, in realta' mirano a 'istillare' (e' questo il termine usato) nei bambini preconcetti contro la famiglia, la genitorialita', la fede religiosa, la differenza tra padre e madre... parole dolcissime che sembrano oggi non solo fuori corso, ma persino imbarazzanti, tanto che si tende a eliminarle anche dalle carte''. Bagnasco parla dell'iniziativa come ''di lettura ideologica del 'genere' - una vera dittatura - che vuole appiattire le diversita', omologare tutto fino a trattare l'identita' di uomo e donna come pure astrazioni. Viene da chiederci con amarezza - ha poi aggiunto - se si vuol fare della scuola dei 'campi di rieducazione', di 'indottrinamento'. Ma i genitori hanno ancora il diritto di educare i propri figli oppure sono stati esautorati'? Si e' chiesto a loro non solo il parere ma anche l'esplicita autorizzazione'? I figli non sono materiale da esperimento in mano di nessuno, - ha notato il card. Bagnasco - neppure di tecnici o di cosiddetti esperti. I genitori non si facciano intimidire, - ha quindi concluso - hanno il diritto di reagire con determinazione e chiarezza: non c'e' autorita' che tenga''. Da qui le richieste del presidente della Cei ''di non corrompere i giovani con idee ed esempi che nessun padre e madre vorrebbero per i propri ragazzi; il diritto ad una scuola non ideologica e supina alle mode culturali imposte; la preziosita' irrinunciabile e il sostegno concreto alla scuola cattolica''. gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia