mercoledì 07 dicembre | 19:27
pubblicato il 04/mar/2011 18:30

Scuola/ Assenze massimo al 25%, a superiori sarà boom bocciature

Miur conferma nuova disposizione: deroghe solo per gravi motivi

Scuola/ Assenze massimo al 25%, a superiori sarà boom bocciature

Roma, 4 mar. (askanews) - Brutte notizie per gli studenti troppo spesso assenti alle lezioni scolastiche delle superiori: oggi il Miur, attraverso la circolare numero 20, firmata dal direttore generale Carmela Palumbo, ha confermato che da quest'anno il tetto massimo di assenze consentite sarà pari al 25%. Superata questa soglia, scatterà automaticamente "l'esclusione dallo scrutinio finale e - sottolinea la circolare ministeriale - la non ammissione alla classe successiva o all'esame finale di ciclo". quindi prevedibile che a giugno si supererà il numero di respinti degli ultimi anni: il 13,3% nel 2010 e il 14,1% l'anno prima. La disposizione, sino allo scorso anno applicabile solo alle medie, prevede delle deroghe stabilite da ogni scuola: in genere si tratta di gravi motivi, comunque sempre documentati, che viale Trastevere "a mero titolo indicativo" riconduce a problemi di "salute adeguatamente documentati, terapie e/o cure programmate, donazioni di sangue, partecipazione ad attività sportive e agonistiche organizzate da federazioni riconosciute dal Coni". Ed in ogni caso, le deroghe saranno applicabili "a condizione, comunque, che tali assenze non pregiudichino, a giudizio del consiglio di classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati". Nella circolare il Miur ricorda che il 'tetto' di assenze è stato introdotto per "incentivare gli studenti al massimo impegno di presenza a scuola, così da consentire agli insegnanti di disporre della maggior quantità possibile di elementi per la valutazione degli apprendimenti e del comportamento". Per il computo delle assenze, il ministero ha anche specificato che bisognerà fare riferimento "all'orario complessivo di tutte le discipline e non nella quota oraria annuale di ciascuna disciplina". Ogni studente, inoltre, avrà il proprio "orario annuale personalizzato": a coloro che non si avvalgono della religione cattolica, ad esempio, dovrà essere sottratto il monte annuale della materia pari in genere a 33 ore.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni