venerdì 20 gennaio | 23:39
pubblicato il 04/mar/2011 18:30

Scuola/ Assenze massimo al 25%, a superiori sarà boom bocciature

Miur conferma nuova disposizione: deroghe solo per gravi motivi

Scuola/ Assenze massimo al 25%, a superiori sarà boom bocciature

Roma, 4 mar. (askanews) - Brutte notizie per gli studenti troppo spesso assenti alle lezioni scolastiche delle superiori: oggi il Miur, attraverso la circolare numero 20, firmata dal direttore generale Carmela Palumbo, ha confermato che da quest'anno il tetto massimo di assenze consentite sarà pari al 25%. Superata questa soglia, scatterà automaticamente "l'esclusione dallo scrutinio finale e - sottolinea la circolare ministeriale - la non ammissione alla classe successiva o all'esame finale di ciclo". quindi prevedibile che a giugno si supererà il numero di respinti degli ultimi anni: il 13,3% nel 2010 e il 14,1% l'anno prima. La disposizione, sino allo scorso anno applicabile solo alle medie, prevede delle deroghe stabilite da ogni scuola: in genere si tratta di gravi motivi, comunque sempre documentati, che viale Trastevere "a mero titolo indicativo" riconduce a problemi di "salute adeguatamente documentati, terapie e/o cure programmate, donazioni di sangue, partecipazione ad attività sportive e agonistiche organizzate da federazioni riconosciute dal Coni". Ed in ogni caso, le deroghe saranno applicabili "a condizione, comunque, che tali assenze non pregiudichino, a giudizio del consiglio di classe, la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati". Nella circolare il Miur ricorda che il 'tetto' di assenze è stato introdotto per "incentivare gli studenti al massimo impegno di presenza a scuola, così da consentire agli insegnanti di disporre della maggior quantità possibile di elementi per la valutazione degli apprendimenti e del comportamento". Per il computo delle assenze, il ministero ha anche specificato che bisognerà fare riferimento "all'orario complessivo di tutte le discipline e non nella quota oraria annuale di ciascuna disciplina". Ogni studente, inoltre, avrà il proprio "orario annuale personalizzato": a coloro che non si avvalgono della religione cattolica, ad esempio, dovrà essere sottratto il monte annuale della materia pari in genere a 33 ore.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4