lunedì 27 febbraio | 13:10
pubblicato il 15/nov/2011 19:02

Scuola/ Arriva mobilità personale esubero, rischiano 10mila prof

Novità per Pa dal 2012: dopo 2 anni senza esito stop stipendio

Scuola/ Arriva mobilità personale esubero, rischiano 10mila prof

Roma, 15 nov. (askanews) - Dal prossimo anno anche il personale in esubero della scuola potrà essere posto in mobilità per due anni: se al termine del biennio docenti e Ata non saranno stati ricollocati professionalmente, anche in altri comparti pubblici, non percepiranno più lo stipendio. Il provvedimento, contenuto nel decreto legge sul maxi-emendamento della legge di stabilità economica, riguardante tutto il personale della pubblica amministrazione, rappresenta una novità assoluta per gli insegnanti ed il personale non docente della scuola: dipendenti che sino ad oggi hanno potuto trovare collocazione rimanendo a disposizione dei dirigenti scolastici, pur in assenza di posti liberi relativi al loro specifico profilo professionale. Nella scuola la norma, che comunque non cita la parola 'licenziamento', potrebbe avere un'applicazione su grandi numeri: nell'anno in corso, infatti, sono quasi 10mila gli insegnanti privi di cattedra: molti di loro sono rimasti semplicemente "a disposizione". A loro si aggiungono qualche altro centinaio tra amministrativi, tecnici ed ausiliari. La procedura prevista attraverso l'ultimo atto del governo Berlusconi indica che dal 1 settembre il personale in esubero - di pubblico impiego, scuola e università - potrà essere posto in mobilità territoriale, anche intercompartimentale. In tal caso, passando in un altro ministero, per i docenti si tratterebbe dell'addio all'insegnamento: verrebbero infatti trasformati in semplici impiegati. Il trasferimento avverrebbe pure in caso di mancata accettazione da parte del lavoratore in sovrannumero, che dovrà così accettare in modo forzato il passaggio su altre province o profili professionali. Immediate le proteste sindacali. Secondo Marcello Pacifico, presidente Anief, se si vuole introdurre nella pubblica amministrazione la logica del privato "dovremmo prima rimuovere i ministri, i direttori generali, i dirigenti scolastici che non hanno reso efficiente il sistema scolastico, prima di infierire sui professionisti della scuola: ricorreremo alla magistratura, unico baluardo del diritto di fronte alla mortificazione del lavoro".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech