domenica 04 dicembre | 09:12
pubblicato il 10/giu/2014 13:26

Scoperti 853 evasori totali in settore immobiliare: 2 mld frodati

Blitz Gdf in tutta Italia: 295 denunciati per reati tributari

Scoperti 853 evasori totali in settore immobiliare: 2 mld frodati

Milano, (askanews) - Due miliardi di imposte non pagate, 853 evasori totali, 295 denunciati per reati tributari. A questo hanno condotto gli oltre 1.100 i controlli eseguiti dalla guardia di Finanza in tutta Italia tra luglio 2013 e maggio 2014 nel settore immobiliare, con attenzione a compravendite, intermediazioni, ristrutturazioni e riqualificazioni energetiche. Grazie all'incrocio delle informazioni delle banche dati con i bonifici relativi ai pagamenti, i finanzieri del nucleo speciale Entrate hanno infatti individuato numerose imprese che non hanno dichiarato, in tutto o in parte, i ricavi delle attività svolte.Nel dettaglio attraverso l'uso di applicazioni informatiche che censiscono le compravendite effettuate da titolari di partita Iva e i bonifici bancari e postali necessari ai committenti di prestazioni di servizi per beneficiare delle detrazioni fiscali, è stato possibile ottenere un patrimonio di informazioni da confrontare utilmente con le dichiarazioni dell'anagrafe tributaria: solo in questo modo i finanzieri hanno potuto verificare se i corrispettivi fossero stati sottoposti a imposizione fiscale e subito dopo dare la caccia agli evasori.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari