giovedì 23 febbraio | 15:25
pubblicato il 16/nov/2012 13:15

Scontri Roma/ Questore Roma: Lacrimongeno Via Arenula era nostro

"Non ho visto immagini"

Scontri Roma/ Questore Roma: Lacrimongeno Via Arenula era nostro

Roma, 16 nov. (askanews) - "Se il lacrimogeno è stato esploso era uno dei nostri...". Il questore di Roma, Fulvio Della Rocca, risponde così ai cronisti che a margine di una conferenza stampa in questura chiedono se i lacrimogeni (a strappo) sparati dal tetto del ministero della Giustizia l'altro ieri durante la manifestazione che si è svolta nella Capitale fossero stati esplosi da agenti della polizia di Stato. "Io non ho visto le immagini" premette il questore. "Il ministro di Giustizia ha detto che loro non hanno lacrimogeni. Se il lacrimogeno è stato esploso è nostro". Poi, il questore prova a ipotizzare una possibile dinamica: "Dato che i lacrimogeni non possono essere sparati ad altezza uomo ma devono seguire una parabola l'ipotesi è che possa essersi infranto su un muro di Via Arenula e questo può aver dato l'impressione che sia stato sparato da un balcone".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Grana Padano, nuovo marchio indica provenienza latte su confezioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech