sabato 03 dicembre | 16:36
pubblicato il 20/ott/2011 18:04

Scontri Roma/ Gip: indignati in carcere pericolosi socialmente

Il provvedimento del giudice Elvira Tamburelli

Scontri Roma/ Gip: indignati in carcere pericolosi socialmente

Roma, 20 ott. (askanews) - Devono restare in carcere perché su di loro ci sono "gravi e univoci indizi di colpevolezza" e perché la detenzione a Regina Coeli appare "l'unica misura idonea e adeguata alla forte esigenza di tutela della intera collettività". Insomma i manifestanti arrestati sono "pericolosi socialmente" e soggetti "propensi a ricorrere alla violenza". Così afferma il gip del tribunale di Roma, Elvira Tamburelli nell'ordinanza di custodia emessa nei confronti degli indagati finiti in carcere per gli incidenti avvenuti sabato scorso, in occasione della manifestazione degli indignati. Secondo il giudice gli accertamenti avviati dagli inquirenti "offrono uno spaccato di particolare carica di violenza e forza intimidatrice contro le forze dell'ordine che, per la natura e modalità di sviluppo delle diverse azioni violente concentrate nelle zone di Sam Giovanni e Appio, nonchè per il numero elevato di facinorosi, non paiono affatto espressione di azioni improvvisate e slegate tra loro, ma piuttosto frutto di un'azione concertata tra i violenti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari