martedì 06 dicembre | 23:10
pubblicato il 11/set/2014 12:00

Scontri Olimpico, si cerca di identificare ultras Napoli

Inquirenti intenzionati a interrogare De Santis

Scontri Olimpico, si cerca di identificare ultras Napoli

Roma, 11 set. (askanews) - Gli inquirenti della Procura di Roma stanno provando a identificare quei tifosi del Napoli, più di 10, che avrebbero partecipato al pestaggio di Daniele De Santis, l'ex ultrà della Roma accusato di aver ucciso il supporter partenopeo Ciro Esposito. Chi indaga, in questa fase, sta cercando ulteriori riscontri alla ricostruzione del fatto. Perché se la sparatoria potrebbe esser maturata nell'ambito di una rissa sono diversi - a parere della difesa di De Santis - gli elementi che potrebbero far propendere per un quadro di la legittima difesa od omicidio preterintenzionale. A piazzale Clodio questo sostanziale alleggerimento delle contestazioni non trova spazio allo stato. Per arrivarvi - si spiega - risulta necessario compiere alcuni passaggi. Come una deposizione completa di De Santis che sinora, vuoi anche per le condizioni di salute, si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere. I magistrati così come l'ex ultrà giallorosso hanno interesse a sentire anche i tifosi azzurri accusati di rissa e gli altri che sinora non hanno ancora un nome. Le conclusioni degli esperti del Racis, secondo cui De Santis ferito a terra, sanguinante e sopraffatto, avrebbe fatto fuoco, non combaciano con i primi risultati dell'autopsia di Ciro, secondo cui il ragazzo è stato ucciso da un soggetto che era in piedi, a poca distanza da lui. L'elemento dei guanti, su cui sono state trovate tracce univoche e compatibili con la polvere da sparo, presenti anche sugli abiti dei napoletani feriti, va messo in relazione a tutto quello che è stato acquisito. Secondo il Racis i guanti potevano non essere indossati ma "essere comunque portati al seguito di De Santis ed essere contaminati durante gli spari". Del resto se 'Gastone' "li avesse indossati durante l'esplosione dei colpi, sarebbe stato lecito ritrovare su di essi anche delle tracce ematiche che invece sono assenti in entrambi i guanti sia nella parte esterna che in quella interna". Tracce ematiche trovate, invece, su una mano e sulla pistola, forse finita in pozza di sangue provocata dalle gravi ferite che De Santis aveva alla gamba.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni