lunedì 05 dicembre | 01:48
pubblicato il 23/lug/2012 17:04

Scontri al cantiere di Chiomonte, Digos: i No Tav non c'entrano

Si è trattato di "professionisti della violenza"

Scontri al cantiere di Chiomonte, Digos: i No Tav non c'entrano

Torino, (askanews) - Gli scontri nel cantiere dell'alta velocità di Chiomonte nella notte tra il 21 e il 22 luglio sono stati provocati da "professionisti della violenza" secondo la polizia che mostra il materiale e gli oggetti sequestrati, fra cui sassi e chiodi. Arturo Variale è della Digos di Torino."In questo momento non riscontriamo che il movimento abbia realmente partecipato a questa manifestazione. Non si può parlare di manifestazione ma di esercizio gratuito della violenza".Per Variale si è trattato di un assalto premeditato al cantiere e alle forze dell'Ordine con il coinvolgimento di persone arrivate anche dall'estero.Parliamo di presenze francesi, spagnole, inglesi, qualche russoE' in corso l'identificazione di 50/70 persone, presumibilmente coinvolte negli scontri di sabato fra cui secondo la polizia potrebbero esserci persone rinviate a giudizio recentemente dal Tribunale di Torino, per episodi di violenza avvenuti nel luglio dello scorso anno.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari