venerdì 20 gennaio | 13:59
pubblicato il 16/lug/2014 12:00

Scontri a manifestazione 12 aprile 2014 a Roma: quattro arresti

In manette gruppo di antagonisti per violenze a Via Veneto

Scontri a manifestazione 12 aprile 2014 a Roma: quattro arresti

Roma, 16 lug. (askanews) - La Digos di Roma sta dando esecuzione a 4 provvedimenti cautelari emessi dall'Ufficio gip di Roma nei confronti di altrettanti antagonisti che si sono resi responsabili di comportamenti violenti in occasione degli scontri verificatisi in via Veneto il 12 aprile scorso. In quella circostanza, nel corso di un corteo nazionale indetto dalle varie sigle dell'antagonismo di sinistra, alcune centinaia di manifestanti, dopo essersi travisati con caschi ed altri capi di abbigliamento fra cui numerosi kway di colore azzurro, aggredirono le Forze dell'Ordine schierate a tutela del Ministero del Lavoro con il lancio di oggetti contundenti, fra cui bottiglie e componenti di arredo urbano divelti per la circostanza, nonché artifizi pirotecnici esplosi ad altezza uomo. In esito a questo violento e prolungato assalto oltre 60 operatori della Polizia di Stato dovettero ricorrere alle cure dei sanitari, alcuni per aver riportato lesione di una certa gravità. Nell'immediato furono tratti in arresto, in flagranza di reato, 4 manifestanti, che, dopo l'udienza di convalida, furono sottoposti agli arresti domiciliari. I successivi approfondimenti investigativi, coordinati dalla locale Procura della Repubblica e condotti dalla Digos di Roma con la collaborazione degli altri omologhi Uffici delle città di provenienza dei manifestanti, hanno consentito di individuare altri responsabili di specifici comportamenti violenti e per 4 di questi l'Ufficio GIP del Tribunale di Roma ha ritenuto sussistere, oltre alla gravità indiziaria, anche specifiche esigenze cautelari in considerazione sia della particolare gravità della condotta tenuta nella circostanza che dei precedenti specifici. In particolare uno dei destinatari di misura cautelare. M.C. romano di 22 anni, è stato immortalato mentre, indossando contemporaneamente maschera da sci e maschera antigas, lancia oggetti contro le forze dell'ordine utilizzando una fionda. Gli altri destinatari sono un altro soggetto romano, già noto alla Digos per alcuni precedenti specifici, un antagonista di Perugia attualmente ristretto presso la casa circondariale di Ferrara e di un esponente dei centri sociali del Nord est, nato in Romania ma residente a Marghera, anch'egli con precedenti specifici.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Campidoglio
Raggi: la Giunta capitolina approva emendamento a Bilancio
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Valanga su hotel, recuperata un'altra vittima. Bilancio 2 morti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Our Place in Space, in mostra l'Universo nelle immagini di Hubble
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale