sabato 21 gennaio | 06:18
pubblicato il 01/dic/2011 17:04

Sciolta nell'acido, Corte decide un fitto calendario udienze

Caso Lea Garofalo, sentenza nel luglio prossimo

Sciolta nell'acido, Corte decide un fitto calendario udienze

Milano, 1 dic. (askanews) - E' serratissimo il calendario del processo per l'omicidio di Lea Garofalo fissato dai giudici della Prima Corte d'assise, presieduta da Anna Introini che ha sostituito Filippo Grisolia, diventato capo di gabinetto al ministero della Giustizia. Al termine dell'udienza di oggi, Introini ha comunicato che il processo riprenderà al 19 dicembre, poi, dopo la pausa natalizia, a gennaio si tornerà in aula il 10, 16, 20, 23, 27, 31, a febbraio il 2,3,7,9,13,14,20,27, a marzo l'1, 5,9,26,29,30. Le udienze così ravvicinate si giustificano col tempo che sarà 'perso' per riascoltare i testimoni già sentiti dopo che è cambiata la composizione del collegio e i difensori non hanno dato il consenso a 'salvare' le deposizioni già avvenute, tra cui quella di Denise, la figlia della vittima, parte civile contro il padre, Carlo Cosco. Tutti i testimoni dovranno essere risentiti daccapo, ha precisato stamane Introini leggendo l'ordinanza, e non basterà quindi che diano il loro consenso all'utilizzo dei verbali già compilati con le testimonianze, come una giurisprudenza ormai superata consentiva in passato. Se i testi dovessero fare dichiarazioni diverse rispetto alla prima versione prevarrebbe la seconda. "Speriamo che entro luglio si arrivi a una sentenza di primo grado", auspicano i legali delle parti civili. "La difesa ha esercitato la sua facoltà - ha spiegato Roberto D'Ippolito, avvocato della madre e della sorella di Lea Garofalo - ma purtroppo il rischio concreto è quello che gli imputati tornino in libertà, e su questo bisognerà vigilare. I familiari sono rimasti sconcertati da questa decisione e per Denise tornare in aula sarà una nuova sofferenza - ha continuato - ma hanno reagito tutti con molto vigore". La ragazza, 19 anni, verrà riascoltata durante una delle prossime udienze, così come gli altri testimoni che hanno già deposto nelle scorse cinque udienze. Nel processo sono imputate sei persone. Il difensore di una di loro è Vincenzo Minasi, penalista arrestato ieri nell'operazione anti - 'ndrangheta condotta dalle Dda di Milano e Reggio Calabria.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4