domenica 04 dicembre | 03:03
pubblicato il 30/apr/2011 21:29

Scienza/ I mirtilli più antiossidanti sono in Ecuador

Li hanno trovati i botanici newyorkesi

Scienza/ I mirtilli più antiossidanti sono in Ecuador

Roma, 1 mag. (askanews) - I mirtilli tropicali sono 11 volte più antiossidanti di quelli coltivati più a Nord. In Ecuador, Messico e in altre zone del Centro e Sud America c'è una varietà di frutti di bosco selvatici che supera tutte le altre. Lo sostengono i ricercatori del Giardino Botanico di New York che hanno pubblicato sul Journal of Agricultural and Food Chemistry uno studio per evidenziare le virtù benefiche delle antocianine, composti naturali che oltre a colorare le preziose bacche hanno proprietà anticancerogene e salva-cuore. Secondo il Dipartimento Usa dell'Agricoltura i mirtilli sono al primo posto in una lista che contiene 40 alimenti vegetali tra frutta e verdura ritenuti quelli con più proprietà benefiche per la circolazione e il metabolismo. Le antocianine, come altri flavonoidi, sono in grado di sopprimere la produzione dei radicali liberi, molecole instabili che causano stress ossidativo e il rilascio di fattori proinfiammatori nel sangue, causando danni alle pareti interne dei vasi sanguigni. Per Pedraza-Penalosa, ricercatore che ha partecipato allo studio, la presenza di questi "gioielli" naturali sul mercato è ancora "davvero rara", vista la scarsa produzione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari