sabato 03 dicembre | 15:24
pubblicato il 11/feb/2015 15:40

Schettino piange in aula: quel giorno sono morto anch'io

"Non è più vita quella che sto vivendo"

Schettino piange in aula: quel giorno sono morto anch'io

Grosseto (askanews) - "Signori giudici, oggi quello che sento di dire e che probabilmente non è stato compreso è che quel 13 gennaio sono in parte morto anch'io." Così l'ex comandante Francesco Schettino, in una dichiarazione spontanea rilasciata al processo per il naufragio della Costa Concordia. "Da quel 13 gennaio la mia testa è stata offerta con la convinzione errata di salvaguardare interessi economici".

Schettino è convinto che si siano volute soddisfare le "logiche

utilitaristiche che a tutti sono chiare". "Ho vissuto tre anni in un innnegabile tritacarne mediatico -ha proseguito Schettino- la cui violenza, se non subita, è difficile da comprendere. Questo, unito al dolore per quanto è accaduto, rende difficile definire vita quella che sto vivendo".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari