lunedì 05 dicembre | 15:58
pubblicato il 31/ago/2011 19:18

Scampia, danni a campo del Campania calcio: campionato a rischio

Appello al Comune: aiutateci, tiene lontano i giovani da strada

Scampia, danni a campo del Campania calcio: campionato a rischio

Per i ragazzi di Scampia, a Napoli, questo campo di calcio, intitolato al celebre letterato campano Pier delle Vigne, non è solo uno spazio dove si gioca a calcio. soprattutto un simbolo di riscatto, di socializzazione, un luogo magico dove correre e sudare inseguendo il mito di Maradona e di Lavezzi. Un sogno che, però, è stato infranto da vandali che hanno rubato il rame dei cavi elettrici rendendo il campo di fatto inutilizzabile, come spiega il presidente della Municipalità, Angelo Pisani.Il "Pier delle Vigne", tra l'altro, sarà il campo di casa del Campania, squadra di calcio neo-promossa in serie D, composta da giovani di Scampia che, però, alla vigilia del campionato, rischiano di non poter giocare se non verrà al più presto ripristinato l'impianto elettrico. Un danno quantificato in circa 20mila euro. Il campo "Pier delle Vigne", sottolineano i rappresentanti della Municipalità, è l'unico riferimento sul territorio per centinaia di ragazzi che vogliono fare attività sportiva e staccarsi da quella che è la mentalità della strada e per questo è importante intervenire al più presto per ripristinarne la piena operatività.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari