domenica 11 dicembre | 12:56
pubblicato il 12/gen/2012 21:00

Saviotti/ Iannone (Casapound): ho fatto una battuta infelice

"Ma non può essere scambiata per istigazione a delinquere"

Saviotti/ Iannone (Casapound): ho fatto una battuta infelice

Roma, 12 gen. (askanews) - Ammette di avere fatto "una battuta infelice" ma sottolinea che non può essere scambiata per istigazione a delinquere e sottolinea che "l'Italia ormai è peggio della Corea del nord: tutti devono piangere, chi non lo fa va nei campi di recupero". Così il presidente di CasaPound Italia, Gianluca Iannone, dopo le polemiche suscitate da una frase apparsa sul suo profilo personale di Facebook in cui, in riferimento alla morte del procuratore anti terrorismo, diceva che il 2012 è un anno che si apre con "prospettive interessanti". Oltre alla polemica politica, si è aperto sulla vicenda un filone giudiziario: la procura di Roma ha aperto un fascicolo in cui si ipotizza l'associazione a delinquere. "Persino una battuta infelice, scritta peraltro in uno spazio privato, può essere scambiata per istigazione a delinquere", dice Iannone sottolineando che in Italia ormai "siamo al paradosso e al linciaggio bipartisan", ma ammettendo che la sua battuta era "sicuramente di cattivo gusto", anche se è stata "rubata sul profilo personale e non negli spazi ufficiali del movimento in barba a ogni tutela della privacy". " chiaro che c'è un'aria di ipocrisia e di sciacallaggio che non cessa minimamente di esistere. Non si perde neanche occasione - prosegue il leader di Casapound - di insinuare rapporti inesistenti tra noi e l'amministrazione cittadina. Nessuno sdegno ufficiale, invece, nessuna richiesta di restringere gli spazi di libertà ha accompagnato il coro '10, 100, 1000 Acca Larentia' sentito per le vie di Roma solo pochi giorni fa. Gli inviti a un nuovo piazzale Loreto, in internet, sono presenti in tutti i profili dell'antagonismo di sinistra". Sulla figura di Saviotti, il presidente di Casapound precisa poi di avere "un'idea personale particolarmente critica del magistrato defunto che in tante occasioni ha attaccato CasaPound, dall'iscrizione nel registro degli indagati per i ragazzi del Blocco Studentesco che erano parte lesa per gli scontri di piazza Navona all'arresto immotivato di Alberto Palladino con modalità 'sovietiche', ma questa idea non può e non deve istigare nessuno a delinquere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina