giovedì 19 gennaio | 03:19
pubblicato il 12/gen/2012 21:00

Saviotti/ Iannone (Casapound): ho fatto una battuta infelice

"Ma non può essere scambiata per istigazione a delinquere"

Saviotti/ Iannone (Casapound): ho fatto una battuta infelice

Roma, 12 gen. (askanews) - Ammette di avere fatto "una battuta infelice" ma sottolinea che non può essere scambiata per istigazione a delinquere e sottolinea che "l'Italia ormai è peggio della Corea del nord: tutti devono piangere, chi non lo fa va nei campi di recupero". Così il presidente di CasaPound Italia, Gianluca Iannone, dopo le polemiche suscitate da una frase apparsa sul suo profilo personale di Facebook in cui, in riferimento alla morte del procuratore anti terrorismo, diceva che il 2012 è un anno che si apre con "prospettive interessanti". Oltre alla polemica politica, si è aperto sulla vicenda un filone giudiziario: la procura di Roma ha aperto un fascicolo in cui si ipotizza l'associazione a delinquere. "Persino una battuta infelice, scritta peraltro in uno spazio privato, può essere scambiata per istigazione a delinquere", dice Iannone sottolineando che in Italia ormai "siamo al paradosso e al linciaggio bipartisan", ma ammettendo che la sua battuta era "sicuramente di cattivo gusto", anche se è stata "rubata sul profilo personale e non negli spazi ufficiali del movimento in barba a ogni tutela della privacy". " chiaro che c'è un'aria di ipocrisia e di sciacallaggio che non cessa minimamente di esistere. Non si perde neanche occasione - prosegue il leader di Casapound - di insinuare rapporti inesistenti tra noi e l'amministrazione cittadina. Nessuno sdegno ufficiale, invece, nessuna richiesta di restringere gli spazi di libertà ha accompagnato il coro '10, 100, 1000 Acca Larentia' sentito per le vie di Roma solo pochi giorni fa. Gli inviti a un nuovo piazzale Loreto, in internet, sono presenti in tutti i profili dell'antagonismo di sinistra". Sulla figura di Saviotti, il presidente di Casapound precisa poi di avere "un'idea personale particolarmente critica del magistrato defunto che in tante occasioni ha attaccato CasaPound, dall'iscrizione nel registro degli indagati per i ragazzi del Blocco Studentesco che erano parte lesa per gli scontri di piazza Navona all'arresto immotivato di Alberto Palladino con modalità 'sovietiche', ma questa idea non può e non deve istigare nessuno a delinquere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina