sabato 03 dicembre | 01:53
pubblicato il 03/ago/2012 20:05

Sassari, malati di Alzheimer picchiati e truffati: 15 arresti

Coinvolti neurologi e un consigliere regionale

Sassari, malati di Alzheimer picchiati e truffati: 15 arresti

Roma, 3 ago. (askanews) - I carabinieri del comando provinciale di Sassari hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 15 persone e 5 decreti di perquisizione a carico di altri indagati, tutti ritenuti responsabili dei reati, a vario titolo contestati, di associazione a delinquere finalizzata alla truffa ed ai maltrattamenti in danno di disabili mentali, sequestro di persona, lesioni personali. Tra gli arrestati figurano 4 medici neurologi, Giuseppe Dore, Marinella D'Onofrio, Massimo Lai e Gianfranco Dettori, e il consigliere regionale Antonello Peru. Sulla base di una miscela di nozioni di neurologia, anatomia, psicologia, esoterismo ed astrologia, i malati, anche con la collaborazione di alcuni familiari, venivano in realtà torturati e picchiati, spiegano i carabinieri, che hanno documentati le vessazioni con audio e video intercettazioni. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del tribunale di Sassari, Carla Altieri, su richiesta della Procura della Repubblica, pm Michele Incani. Le indagini, sono partite lo scorso aprile dopo la segnalazione che ad Ittiri alcuni malati affetti da patologie neurodegenerative venivano picchiati. Le indagini sono state condotte dal nucleo investigativo provinciale e dal nucleo operativo della compagnia di Alghero, con la collaborazione della stazione di Ittiri. Gli indagati - spiegano i carabinieri - sono accusati di aver costituito un'organizzazione - la Aion-Onlus (Associazione Italiana Operativa Neuropsichiatrica) - che invece traeva profitti da pseudo visite specialistiche e prestazioni professionali, dalle donazioni dei familiari dei pazienti, dalle vendite delle pubblicazioni della società editrice "Saturno" dagli stessi condotta, e anche dai contributi della Regione Sardegna per progetti di collaborazione con l'Asl (non ancora percepiti) e persino dalla concessione in comodato gratuito di un'ala dell'ospedale "Alivesi" di Ittiri. In realtà - secondo la ricosruzione dei militari - sotto la copertura formale dell'associazione, i due neurologi (Dore e D'Onofrio) avevano concepito un "protocollo terapeutico", la psiconeuroanalisi, divulgato a livello nazionale dai loro colleghi, che, sostenuto come efficace terapia contro il morbo di Alzheimer e in genere contro tutte le forme di demenza, si concretizzava "in gravissime violenze fisiche e psicologiche nei confronti dei pazienti", documentate dai carabinieri con audio e video intercettazioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari