lunedì 20 febbraio | 04:52
pubblicato il 08/ago/2013 20:25

Sardegna/Incendi: Cappellacci, Stato sa quanti aerei ci servono

Sardegna/Incendi: Cappellacci, Stato sa quanti aerei ci servono

(ASCA) - Cagliari, 8 ago - ''Se qualcuno ancora aveva necessita' di ulteriori prove, ora lo Stato ha avuto l'ennesima dimostrazione di quanti aerei siano necessari per la comunita'''. Lo dichiara in una nota il presidente della regione Sardegna, Ugo Cappellacci, dopo il sopralluogo svolto questo pomeriggio a Laconi e Nurallao sul fronte degli incendi. ''E' questa - sostiene Cappellacci - la guerra che si combatte in Sardegna, per la quale gia' da tempo abbiamo richiesto una maggiore dotazione di mezzi. Ed e' da questi pericoli che sentiamo l'esigenza di difendere le nostre campagne, le nostre case e le nostre famiglie. Il fatto che, dinanzi ad un'emergenza - osserva il capo della giunta sarda - gli aerei siano decollati da altre regioni, e' l'ennesimo sintomo di questa carenza che espone le aree del Paese ad una macabra roulette russa. Si continua a parlare di F35 mentre mancano servizi essenziali per le nostre popolazioni. E' ora che si faccia una decisa inversione delle priorita' e che - conclude Cappellacci - si compiano scelte a favore della vita dei cittadini e della salvaguardia dell'integrita' dei nostri territori''. com-stt/lus/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia