mercoledì 18 gennaio | 19:46
pubblicato il 17/gen/2014 17:20

Sardegna: riunione al Mit per verifica lavori viabilita' dopo alluvione

Sardegna: riunione al Mit per verifica lavori viabilita' dopo alluvione

(ASCA) - Roma, 17 gen 2014 - Si e' svolta ieri sera al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti una riunione convocata dal ministro Maurizio Lupi per la verifica delle attivita' effettuate al fine di ripristinare le strade in gestione all'Anas e alle Provincie interrotte o danneggiate a causa delle eccezionali precipitazioni che lo scorso novembre hanno colpito vaste aree della Regione Sardegna. Lo rende noto il ministero in un comunicato, aggiungendo che all'incontro hanno partecipato, oltre al ministro Lupi, il presidente della Regione Sardegna Ugo Cappellacci e il presidente di Anas ingegnere Pietro Ciucci.

Nel corso della riunione, Ciucci, in qualita' di Commissario delegato per gli interventi di ripristino, ha relazionato sui risultati delle attivita' di ricognizione svolte, che hanno consentito, in accordo con la Regione Sardegna e con le Province, di individuare gli oltre 50 interventi di ripristino della rete viaria necessari a rendere transitabili in piena sicurezza le strade statali e provinciali.

Per svolgere con efficienza, rapidita' e al meglio le competenze attribuite per legge al Commissario Delegato, l'Anas ha organizzato una ''Struttura di Supporto del Commissario Delegato'', composta di 20 risorse dedicate, che si avvale delle strutture centrali tecniche, amministrative e di controllo della stessa Societa'.

Con riguardo alla viabilita' statale, di competenza dell'Anas, gli interventi da eseguire sono 18, per un costo stimato nell'ordine di circa 10 milioni di euro, che si prevede possano essere conclusi gradualmente tra aprile e giugno di quest'anno. Inoltre, subito dopo l'alluvione, Anas ha avviato gli interventi urgenti di ripristino della transitabilita' sulla propria rete per circa un milione di euro, consentendo la riapertura al traffico su quasi tutte le arterie. In particolare sono gia' stati attivati cinque cantieri, uno dei quali gia' terminato sulla strada statale 127 e gli altri di prossima ultimazione tra fine gennaio e meta' febbraio sulle strade statali 131DCN, 129, 389VAR, 198. Per quanto riguarda le strade provinciali, dopo sopralluoghi effettuati da Anas con i tecnici delle Province, gli interventi di ripristino da eseguire sono 34, per un costo stimato nell'ordine di 40 milioni di euro. Per questi interventi l'Anas ha gia' attivato la fase di progettazione, in attesa dell'affidamento dei poteri normalmente in capo a un Commissario nominato secondo la normativa delle Protezione civile, che renderanno operativa e piu' efficace la nomina del Commissario delegato Le amministrazioni provinciali sarde hanno, infine, evidenziato la necessita' di eseguire altri interventi per circa 50 milioni di euro, che vanno pero' classificati non come opere di ripristino della viabilita' interrotta o danneggiata dall'alluvione, bensi' come interventi di prevenzione e mitigazione del rischio residuo.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina