lunedì 27 febbraio | 04:43
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Sarah Scazzi/ Zio Michele: L'ho uccisa io

Il suo avvocato rinuncia al mandato

Taranto, 5 dic. (askanews) - "Ho ucciso io mia nipote Sarah Scazzi. Non ce la faccio più a portarmi questo peso addosso, mia figlia Sabrina è innocente". Colpo di scena al processo davanti alla Corte d'assise di Taranto per l'omicidio della 15enne Sarah Scazzi strangolata ad Avetrana il 26 agosto del 2010. Michele Misseri, ascoltato come testimone, è tornato ad accusarsi del delitto, questa volta davanti ai giudici. Quando il contadino di Avetrana ha iniziato la sua deposizione con queste dichiarazioni autoaccusatorie, il suo legale di fiducia, avvocato Armando Amendolito, ha rinunciato al mandato perché le dichiarazioni del suo assistito non collimano con la linea difensiva. Ora l'udienza è sospesa in attesa che il Tribunale fornisca a Michele Misseri un avvocato d'ufficio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech