domenica 04 dicembre | 09:54
pubblicato il 20/giu/2011 21:24

Sarah Scazzi/ Sabrina e la madre restano in carcere

Tribunale del riesame ha rigettato il ricorso

Sarah Scazzi/ Sabrina e la madre restano in carcere

Taranto, 20 giu. (askanews) - Sabrina Misseri e Cosima Serrano, indagate per il delitto di Sarah Scazzi, restano dunque in carcere. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Taranto, rigettando così il ricorso che era stato presentato dagli avvocati delle due contro l'ordinanza di custodia cautelare in carcere, notificata loro il 26 maggio scorso per l'omicidio della quindicenne. La decisione è arrivata in serata dopo una lunga camera di consiglio. Cosima e Sabrina sono accusate di concorso in omicidio e soppressione di cadavere. L'accusa, intanto, torna a chiedere la contestazione dell'accusa di sequestro di persona a madre e figlia. Domani, il tribunale dovrà esprimersi sull'appello presentato in questo senso dalla Procura contro l'ordinanza del gip Martino Rosati del 26 maggio scorso (erano state accolte solo le accuse di omicidio e soppressione di cadavere). Il procuratore aggiunto Pietro Argentino e il sostituto Mariano Buccoliero, che hanno impugnato il provvedimento del 26 maggio, sono infatti tornati a chiedere che alle due indagate venga applicata la misura cautelare anche per il sequestro di persona.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari