martedì 21 febbraio | 13:58
pubblicato il 01/giu/2011 14:05

Sarah Scazzi/ L'intervista di Michele, le critiche degli avvocati

Nemmeno oggi l'indagato assolverà all'obbligo di firma in caserma

Sarah Scazzi/ L'intervista di Michele, le critiche degli avvocati

Avetrana, 1 giu. (askanews) - Non ha resistito al richiamo della terra Michele Misseri che, qualche minuto dopo mezzogiorno, ha rotto il suo isolamento volontario, che durava da due giorni, ed è uscito nel giardino della villetta di via Deledda per potare con una piccola accetta un albero e una pianta rampicante. Nonostante i pressanti inviti di giornalisti e cameraman, Misseri non ha inteso rilasciare dichiarazioni. Ieri sera è andata in onda nella trasmissione di Canale 5, Matrix, l'intervista a Michele raccolta da una troupe nell'abitazione di famiglia subito dopo l'arrivo dell'uomo dal carcere. Il contadino di Avetrana - che resta indagato per l'omicidio di Sarah, il vilipendio e la soppressione del suo cadavere - si è pubblicamente professato colpevole unico del delitto e ha dichiarato che la moglie Cosima Serrano e la figlia Sabrina (la prima in carcere dallo scorso giovedì, la seconda dal 15 ottobre 2010), non c'entrano nulla con la vicenda. Gli avvocati della famiglia Scazzi hanno parlato di "sceneggiata volgare, offensiva, insultante per la memoria". Secondo il legale Valter Biscotti l'intervista mandata in onda "non rispetta il dolore di Concetta ed è un insulto e un'offesa all'intelligenza degli italiani che hanno capito come sono andate le cose". Nessun commento ufficiale dalla procura, ma, secondo indiscrezioni, sembra che per gli inquirenti le dichiarazioni di Misseri rilasciate alla giornalista di Matrix non valgano nulla. Fonti giudiziarie confermano che la procura ha una montagna di prove contro madre e figlia attualmente detenute. Sarah, secondo l'accusa, è stata uccisa dalla cugina Sabrina con la complicità della mamma di quest'ultima, Cosima, che non sarebbe intervenuta per fermare la figlia. Le due donne sono in carcere per concorso in omicidio e soppressione di cadavere. Nemmeno oggi, infine, il contadino di Avetrana si recherà dai carabinieri per il cosiddetto obbligo di firma. Il gip Martino Rosati, accogliendo una istanza del legale di Michele, Francesco De Cristofaro, ha concesso che Michele resti a casa e assolva a domicilio all'obbligo di legge. Saranno i carabinieri a raggiungerlo nel pomeriggio nella sua abitazione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia