domenica 26 febbraio | 13:14
pubblicato il 07/feb/2012 12:40

Sarah Scazzi/ In aula depone Claudio, fratello della vittima

"Ivano sapeva di essere molto ambito ma faceva il finto tonto"

Sarah Scazzi/ In aula depone Claudio, fratello della vittima

Taranto, 7 feb. (askanews) - E' cominciata con quasi due ore di ritardo a Taranto l'udienza del processo per il delitto di Sarah Scazzi, la quindicenne uccisa il 26 agosto del 2010 ad Avetrana, in provincia di Taranto. Il primo teste chiamato a deporre è Claudio Scazzi, fratello maggiore della vittima. Claudio Scazzi ha raccontato degli ultimi giorni trascorsi ad Avetrana prima della scomparsa di Sarah e dell'ossessione che Sabrina Misseri (imputata con la madre Cosima Serrano di concorso in omicidio, sequestro di persona, soppressione di cadavere e furto del cellulare della vittima) aveva con Ivano Russo amico comune e ragazzo conteso tra le due cugine. "Sarah usciva spesso con Sabrina. Quando io arrivai ad Avetrana ad agosto - ha detto Claudio -, anch'io frequentavo la stessa comitiva che era quella di Sabrina. Io credevo che mia cugina e Ivano Russo stessero insieme perché avevano un rapporto ambiguo. Era come se fosse una coppia di fidanzati. Quando arrivava Ivano, la prima che lui salutava era Sabrina. Lui la provocava, la baciava, la stuzzicava. Ma quando gli ho chiesto come stessero le cose, mia ha sempre detto che non c'era niente tra loro. Io parlai con Sabrina e le dissi di stare attenta con questo elemento, ma lei disse: "Meglio così che niente", e mi fece capire che preferiva anche essere presa in giro da Ivano, piuttosto che perderlo". Claudio Scazzi ha detto di essere stato informato da Sarah del rapporto sessuale interrotto tra Ivano e Sabrina. "In casa si parlava spesso di questa relazione. Sarah mi disse che Ivano una sera aveva fatto spogliare Sabrina e poi l'aveva fatta rivestire. Sabrina non riusciva a liberarsene, ma Sarah mi disse che nostra cugina ci era rimasta male. Quando ne parlai con Ivano, lui mi mentì. Mi disse che non aveva mai fatto nulla per far capire a Sabrina che c'è altro tra loro oltre l'amicizia. La faceva passare quasi per una pazza. Io ero a conoscenza dell'episodio che mi aveva raccontato Sarah e capii che mi stava mentendo. Ivano sapeva di essere molto corteggiato e ambito, ma faceva il finto tonto. A me questa cosa non piaceva affatto perché avevo paura che potesse trattare allo stesso modo anche Sarah". Claudio Scazzi ha anche parlato del rapporto tra Ivano e Sarah. "Vedevo che mia sorella aveva atteggiamenti molto affettuosi con Ivano e lui non faceva nulla per allontanarla. Questa cosa non mi andava bene perché pensavo che Ivano un domani potesse fare la stessa cosa con mia sorella. Una sera chiesi a Sarah se Ivano le piacesse, ma lei rispose di no. Anche se subito dopo fece una risata e cambiò discorso".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech