martedì 21 febbraio | 16:08
pubblicato il 10/mag/2011 10:43

Sarah Scazzi/ Il racconto del fioraio: Scappava da casa Misseri

La Procura vuole sentire altre persone informate dei fatti

Sarah Scazzi/ Il racconto del fioraio: Scappava da casa Misseri

Taranto, 10 mag. (askanews) - Il nodo dell'inchiesta sull'omicidio di Sarah Scazzi, avvenuto nel pomeriggio del 26 agosto scorso, sembra essere ora la testimonianza di un fioraio, un vicino di casa dei Misseri che, nei giorni successivi al delitto, aveva dichiarato agli investigatori di aver visto Sarah uscire di corsa dalla casa dei zii inseguita da una persona. Chiamato a confermare la testimonianza, il fioraio però ha ritrattato tutto spiegando di non ricordare più la circostanza e che, anzi, quello che aveva riportato era frutto di un sogno. Per chiarire la sua testimonianza, gli inquirenti hanno convocato alcune persone a cui il fioraio aveva raccontato l'episodio. La Procura non crede al cambio di versione dell'uomo, tanto più che le piste seguite dagli investigatori sposterebbero sempre di più la scena del delitto all'interno dell'abitazione dei Misseri e non nel garage come aveva detto Michele ad ottobre nelle sue confessioni rese ai pm Pietro Argentino e Mariano Buccoliero. Se Sarah fosse stata uccisa davvero in casa degli zii, cambierebbe anche la posizione di Cosima, moglie di Michele e madre di Sabrina. La donna ha sempre dichiarato di non aver visto né sentito nulla perché, al momento del delitto, dormiva in camera da letto. Ma se l'omicidio di Sarah fosse avvenuto in casa, Cosima può non essersi accorta di quello che accadeva a pochi metri da lei? Tanto più che dagli accertamenti tecnici svolti dal Ris è emerso che il cellulare della donna, la mattina successiva al delitto, aveva agganciato la cella vicina alla zona del pozzo in cui suo marito Michele si sbarazzò del corpo di Sarah. Sabrina intanto, dal carcere, continua a proclamarsi innocente. Lo ha ribadito nei giorni scorsi ai suoi legali, Franco Coppi e Nicola Marseglia. Fondamentale, per lei, sarà la data del 17 maggio, giorno in cui la Corte di Cassazione esaminerà il ricorso presentato dai legali della Misseri contro la decisione con la quale il Tribunale del riesame il 24 novembre scorso ha confermato l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice Martino Rosati. Sabrina è in carcere dal 15 ottobre scorso, suo padre Michele dal 6 dello stesso mese.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia