giovedì 23 febbraio | 12:55
pubblicato il 25/dic/2011 16:13

Saponara un mese dopo: il dramma degli sfollati

I residenti di Scarcelli non sanno quando torneranno a casa

Saponara un mese dopo: il dramma degli sfollati

Saponara, (askanews) - Sono più di 600 gli sfollati di Saponara, un mese dopo l'alluvione che ha colpito la costa tirrenica del messinese. Nella frazione di Scarcelli dove persero la vita tre persone, Luigi e Giuseppe Valla e Luca Vinci, rimangono ancora i segni della devastazione e i residenti non sanno quando potranno tornare a casa. Gli abitanti di Scarcelli chiedono risposte all'amministrazione comunale e alla Regione. Strade, case e torrenti sono state ripulite dal fango. Tra gli abitanti di Scarcelli c'è però chi continua a fare da solo."La manutenzione dovrebbe essere da parte del Comune, perché non essendo un bene di cui usufruisco solo io, dovrebbe essere anche il Comune a fare questi lavori - racconta uno degli sfollati - Ci diamo da fare, se non siamo noi a salvaguardare le nostre cose. L'interesse è nostro, per cui ci diamo da fare".

Gli articoli più letti
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech