domenica 22 gennaio | 13:32
pubblicato il 25/dic/2011 16:13

Saponara un mese dopo: il dramma degli sfollati

I residenti di Scarcelli non sanno quando torneranno a casa

Saponara un mese dopo: il dramma degli sfollati

Saponara, (askanews) - Sono più di 600 gli sfollati di Saponara, un mese dopo l'alluvione che ha colpito la costa tirrenica del messinese. Nella frazione di Scarcelli dove persero la vita tre persone, Luigi e Giuseppe Valla e Luca Vinci, rimangono ancora i segni della devastazione e i residenti non sanno quando potranno tornare a casa. Gli abitanti di Scarcelli chiedono risposte all'amministrazione comunale e alla Regione. Strade, case e torrenti sono state ripulite dal fango. Tra gli abitanti di Scarcelli c'è però chi continua a fare da solo."La manutenzione dovrebbe essere da parte del Comune, perché non essendo un bene di cui usufruisco solo io, dovrebbe essere anche il Comune a fare questi lavori - racconta uno degli sfollati - Ci diamo da fare, se non siamo noi a salvaguardare le nostre cose. L'interesse è nostro, per cui ci diamo da fare".

Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Papa
Papa: vedremo cosa farà Trump. Mi preoccupa sproporzione economica
Papa
Papa:no a Chiesa insapore in società dove anche verità è truccata
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4