domenica 19 febbraio | 13:37
pubblicato il 08/mar/2014 15:11

Santa Sede: papa Francesco nomina membri consiglio per l'economia

(ASCA) - Roma, 8 mar 2014 - Procedendo nella costituzione delle nuove istituzioni create con il motu proprio ''Fidelis dispensator et prudens'' del 24 febbraio 2014, papa Francesco ha nominato 'ad quinquennium' otto cardinali e sette esperti laici quali membri del Consiglio per l'Economia. Sono: Reinhard Card. Marx, Arcivescovo di Munchen und Freising (Coordinatore); Juan Luis Card. Cipriani Thorne, Arcivescovo di Lima; Daniel N. Card. DiNardo, Arcivescovo di Galveston-Houston; Wilfrid Fox Card. Napier, Arcivescovo di Durban; Jean-Pierre Card. Ricard, Arcivescovo di Bordeaux; Norberto Card. Rivera Carrera, Arcivescovo di Me'xico; John Card. Tong Hon, Vescovo di Hong Kong; Agostino Card. Vallini, Vicario Generale di Sua Santita' per la Diocesi di Roma; Joseph F.X. Zahra, Malta (Vice Coordinatore); Jean-Baptiste de Franssu, Francia; John Kyle, Canada; Enrique Llano Cueto, Spagna; Jochen Messemer, Germania; Francesco Vermiglio, Italia; George Yeo, Singapore.

''I Cardinali Cipriani Thorne, Napier, Ricard, Rivera Carrera, Tong Hon, Vallini, cosi' come il Card. Pell, nuovo Prefetto della Segreteria per l'Economia, erano tutti membri del Consiglio per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede (consiglio dei 15), che ha cessato di esistere''. E' il commento di Padre Federico Lombardi, Direttore della Sala Stampa vaticana. ''Il Card. Marx e il Card. Pell, come noto, sono entrambi membri del Consiglio dei Cardinali per la riforma della Costituzione Apostolica Pastor bonus e per aiutare il Santo Padre nel governo della Chiesa universale - prosegue Padre Lombardi -. Le relazioni tra Consiglio e Segreteria per l'Economia saranno definite dagli statuti, in ogni caso il Consiglio e' inteso come organo avente una propria autorita' di indirizzo, non un mero organo consultivo della Segreteria per l'Economia''.

La provenienza da diverse aree geografiche dei membri nominati nel Consiglio ''riflette, come richiedeva il Motu proprio Fidelis dispensator et prudens, l'universalita' della Chiesa''. ''La costituzione del Consiglio per l'Economia e' un passo chiave verso il consolidamento delle attuali strutture gestionali della Santa Sede, al fine di migliorare il coordinamento e la vigilanza circa le questioni economico-amministrative'', aggiunge il Direttore della Sala Stampa. Il Consiglio e' da subito operativo, il suo primo incontro e' previsto a maggio.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia