sabato 03 dicembre | 06:23
pubblicato il 14/apr/2011 19:01

Santa Maria Capua Vetere, in forse smantellamento tendopoli

Denuncia di sindacati e mediatori culturali, sabato tunisini via

Santa Maria Capua Vetere, in forse smantellamento tendopoli

La tendopoli di Santa Maria Capua Vetere potrebbe non essere smantellata dopo la partenza degli immigrati tunisini: fonti istituzionali sostengono infatti che resterà attiva per ospitare eventuali profughi libici. A questa ipotesi si oppongono sindacati e mediatori culturali che ogni giorno sono a contatto con i tunisini nella ex caserma Andolfato: per loro deve essere chiusa. Enza Sanseverino è segreteria regionale della Cgil Campania.Dello stesso parere Jamal Qaddorah, mediatore culturale che assiste gli immigrati nelle procedure necessarie a ottenere i permessi di soggiorno temporanei. Entro sabato dovrebbero lasciare tutti la tendopoli. Per scegliere le nuove destinazioni gli immigrati hanno dovuto compilare un questionario.Le forze dell'ordine si faranno carico di accompagnare gli immigrati alla stazione e, dove possibile, in alcune delle regioni da loro indicate.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari