lunedì 05 dicembre | 03:21
pubblicato il 06/feb/2011 14:03

Sant'Agata, a Catania la festa che non vuole finire

Per i devoti quattro giorni e quattro notti senza dormire

Sant'Agata, a Catania la festa che non vuole finire

Una festa religiosa che interpreta la fede come qualcosa di irrazionale e che non vuole finire. La vara di Sant'Agata ricoperta da fiori rossi nel giorno del martirio, il 5 febbraio si è vestita di bianco, di fronte a migliaia di fedeli che hanno passato quattro giorni e quattro notti senza dormire. L'amore dei catanesi per Sant'Agata ha spinto anche quest'anno i devoti a portare sulle spalle i loro ceri, alcuni di 130 chili, nonostante il divieto del sindaco Stancanelli. Dopo la dura prova di resistenza delle 12 candelore in via San Giuliano e i tradizionali fuochi del borgo, alcuni dei fedeli si addormentano sui marciapiedi, altri affollano i bar o si fermano ai tipici "arrusti e mangia", anche questi in teoria vietati. Alle prime luci dell'alba di domenica 6 febbraio, il busto della Santa non ha ancora finito il suo percorso. Il popolo catanese vuole tenere Agata ancora con sé, rinnovando un eterno e misterioso atto di fede.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari