martedì 24 gennaio | 10:47
pubblicato il 10/set/2012 10:17

Sanità/Primario si autodenuncia: Pagato da 2 anni senza lavorare

Al Santo Spirito senza più reparto fermo 6 ore a giorno per 5 mln

Sanità/Primario si autodenuncia: Pagato da 2 anni senza lavorare

Roma, 10 set. (askanews) - Cinquemila euro netti al mese dal Servizio Sanitario Nazionale da due anni, per stare sei ore e venti ogni giorno lavorativo senza fare nulla, distaccato dall'Ospedale pubblico Santo di Spririto di Roma nella casa di cura villa Betania. Dove però l'Azienda ospedaliera, ha chiuso il reparto di chirurgia maxillo-facciale di cui era (e formalmente è ancora) primario. Senza neppure disporne, per decisione della Regione Lazio di pochi giorni fa, la riapertura quando il Tribunale del Lavoro di Roma, nel maggio scorso, ha accolto il ricorso presentato dal medico che si era autodenunciato e aveva ordinato alla Asl competente di Roma di reintegrare a villa Betania i due medici dipendenti della maxillo-facciale, impedendo così la ripresa dell'attività del reparto. E' la storia del primario pubblico romano Domenico Scopelliti, pubblicata oggi sul quotidiano 'la Repubblica'. "Mi pagano cinquemila euro netti al mese per non fare niente. Nei giorni di servizio l'unica operazione che faccio - ha raccontato sconsolato il chirurgo- è timbrare il cartellino. Mentre nei giorni liberi opero gratis i miei pazienti...". Scopelliti, origini calabresi, ha 51 anni. E' Cavaliere della Repubblica dal 2008, ha partecipato come chirurgo a 38 missioni internazionali, vanta un curriculum composto da 40 pagine. Dal 2000 è il primario del reparto di chirurgia maxillofacciale di villa Betania, dependance dell'ospedale Santo Spirito di Roma. Nel marzo scorso è stato anche nominato Capo del Dipartimento di Chirurgia di tutta la Asl romana di competenza dell'ospedale. Il 30 Settembre 2010 la Regione Lazio ha chiuso il reparto di villa Betania per ragioni di bilancio. La chiusura è diventata operativa nel marzo 2011 con il trasferimento altrove dei medici dipendenti del reparto. Nel maggio 2012 il Tribunale del Lavoro di Roma ha accolto il ricorso di Scopelliti e dei suoi collaboratori contro i trasferimenti, respingendo il reclamo dell'azienda contro la possibile riapertura del reparto. La Regione Lazio ha però nei giorni scorsi invitato la Asl a non procedere al reintegro dei medici nel reparto, onde evitarne la ripresa di attività.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4