sabato 10 dicembre | 12:40
pubblicato il 22/apr/2011 12:25

Sanità/Giudici: Alla Santa Rita comportamenti seriali aggressivi

"E Brega Massone si è difeso malissimo"

Sanità/Giudici: Alla Santa Rita comportamenti seriali aggressivi

Milano, 22 apr. (askanews) - "Una siffatta serialità di comportamenti tutti tra loro cementati da quella che è stata definita come aggressività chirurgica, da un movente di profitto non può che portare ad una intenzionalità delle condotte poste in essere dagli imputati con la chiara rappresentazione che gli interventi erano inutili" scrivono i giudici del Tribunale di Milano motivando le condanne inflitte ai medici della clinica Santa Rita per lesoioni volontarie gravissime e truffa ai danni della Regione. "Lo stesso Brega Massone non ha mai introdotto elementi a proprio difesa che portassero a profili colposi ha sempre detto che le scelte censurate dall'accusa erano le migliori dal punto di vista scientifico e tecnico più volte evocando le proprie doti professionali e le pubblicazioni specialistiche", aggiungono i giudici a proposito del primario di chirurgia toracica condannato a 15 anni e 6 mesi e che ora rischia un altro processo per omicidio volontario in relazione a quattro casi di interventi inutili fatti solo per aumentare il valore dei rimborsi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina