giovedì 23 febbraio | 20:08
pubblicato il 09/lug/2012 19:33

Sanità/ Balduzzi: 7mila posti in meno letto dal 2013

7,9 miliardi tagli in tre anni

Sanità/ Balduzzi: 7mila posti in meno letto dal 2013

Roma, 9 lug. (askanews) - I tagli al settore sanitario dovuti alla spending review del governo, sommati alla manovra economica del 2011, ammonteranno in tre anni, dal 2012 al 2014, a 7,9 miliardi di euro. Lo ha detto il ministro della Salute, Renato Balduzzi, intervenendo a un convegno organizzato dal Pd sulla sanità a Roma. Balduzzi ha precisato che 900 milioni di euro di tagli sono previsti per il 2012, 4,3 miliardi rappresentano il definanziamento per il 2013 e altri 2,7 miliardi quello per il 2014. Per quanto riguarda il taglio dei posti letto pubblici negli ospedali, dal 2013, ha aggiunto il ministro Balduzzi, diminuiranno secondo una stima provvisoria di circa 7mila unità sempre per effetto della spending review "ma questa - ha detto il ministro - è una direzione virtuosa nella quale vanno tutti i servizi sanitari più evoluti".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech